Scuola. Assegnazione su posti di sostegno. Come e dove presentare la domanda

0

Palermo, 27 agosto 2016 – Una nuova speranza, concreta, per i docenti siciliani. Una possibilità in più, quantomeno, di non dover armarsi di bagagli e abbandonare le proprie famiglie o destabilizzare equilibri già consolidati.

Riporta la firma del 25 agosto il Contratto Integrativo Regionale che apre uno spiraglio ad un esodo che , fino a pochi giorni fa, rischiava di divenire difficoltoso da gestire, creando non solo disappunti e malumori fra docenti dell’isola neoimmessi in ruolo ma rendendo precaria la loro stessa vita e quella dei loro familiari.

Il confronto messo in atto con i sindacati nei giorni scorsi  ha dato l’opportunità di creare una sorta di “scialuppa di salvataggio” per i docenti che hanno da poco ottenuto l’immissione in ruolo.

Compilando un modello di domanda, disponibile nella home delle OO.SS, sarà infatti  possibile dichiarare la propria disponibilità  a ricevere assegnazione provvisoria sui posti di sostegno.

Detto più semplicemente e per offrire maggiore chiarezza agli insegnanti siciliani  pressati dall’ansia e dalle preoccupazioni di questa turbolenta estate, ciò significa che i neoimmessi in ruolo, salvaguardato ovviamente il diritto degli specializzati su sostegno, potranno aspirare a ricoprire i posti in deroga senza il prescritto titolo di specializzazione. I docenti titolari su posto comune, potranno dunque  svolgere la loro attività su sostegno e rimanere nella propria provincia.

La domanda è ovviamente riservata a tutti i neoimmessi in ruolo, di tutti gli ordini e gradi di scuola, che abbiano già presentato domanda di assegnazione per il corrente anno scolastico nei modi e nei tempi dovuti. La richiesta di disponibilità va inoltrata in carta libera entro e non oltre il 31 agosto 2016 all’indirizzo mail [email protected] oppure consegnata all’Ufficio Protocollo dell’USP di Palermo entro il termine suindicato.

Per qualsiasi ulteriore indicazione è possibile consultare la home page delle OO.SS o direttamente quella della USP di Palermo.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.