Meno due alle elezioni

0

Di Matteo, u primo candidato,

a campagna elettorale pirdenno pezze è accuminciato,

alcuni so cumpagni pigghiaro un’atra strata

ma iddho un s’arrenne e camina ne sta acchianata.

U Caputo, u frate chiu nicareddho, ne giurnale cu iddho è parrato:

ci rice “eccate n’arrere, ca truvamo un’avutro pi maritato.”

U Capizzi, u candidato ri comunisti e non, joca forte

e trova consensi ca trasino ri finestre e ri porte.

Vincio i vutazioni ri partito

ma ora si trova senza pezze ri du partito.

Cudduriuna ri stomaco e forte gradimento

iddho è circondato  ri vari tipi ri sentimento.

Arcidiacono zittu zittu si ‘nfilunia

e si joca sta partita cu na certa largasia.

Grande festa pa so presentazione,

tanta gente ca inchiano u salone.

Ri destra e ri sinistra pi indossare a so maglia

ca quasi quasi pari un’accozzaglia.

Sabella è un candidato ca un si canusci tanto

ma si va n’filanno como una mano non guanto.

Talia a generazioni futura cu tanto amuri

ma un sape ca sti picciutthedde su duri.

Vari incontri ne stu periodo è organizzato

ca ri chistiani ca c’erano, cocchi pollo sè manciato.

Arena è un munrialisi ri picca chiamato,

avi ri cinco anni ca ne stu paisi se truvato.

No sinnacato iddhu è stato ‘mpignato

e si definisce unu ri centro, un moderato.

Pensa ca stu paisi è misu mali e sta pi affunnare

e chi so vele vole pruvare a farine a galla acchianare.

Costantini è chiddu ri cinco stidde

ma sapiddho si ci fa fare sti favidde.

No so gruppo nuddho forse mai è stato candidato

e su ‘ncazzate pi tuttu chiddu ca l’avutre hanno cumminato.

Sunnu vuluti, sunnu punciuti, sunnu amati e puru odiati

ma siminino male cu tutti i chistiani ca cu iddhe su sciarriati.

Finisce ca stu longo misi i marzo,

e a picca a picca i novità vannu niscenno ru iazzo.

O prossimo misi ni viremo tempo pirmittenno,

pi capiri ni quali mano ni stamu mittenno.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.