Segnala a Zazoom - Blog Directory

La storia di Edward Thorpe per gli ospiti dello Slot Palace

La matematica nel gioco d’azzardo è necessaria più che altrove. La capacità di contare e memorizzare le carte permette di ottenere un vantaggio sul banco. Il professore americano di matematica Edward Thorpe è stato il primo a condurre uno studio scientifico su questo argomento. Ha dimostrato che è possibile vincere costantemente al blackjack contando le carte. La pubblicazione del libro “Beat the Dealer” nel 1966 confuse i casinò di Las Vegas e Atlantic City. Gli ospiti di Slot Palace potrebbero averne sentito parlare – gli utenti di Slot Palace possono saperne di più su Edward Thorpe qui di seguito.

Cosa c’è dietro il genio

Edward Thorpe nacque in una famiglia povera che cercava di sopravvivere ad ogni costo. L’infanzia è avvenuta durante la Grande Depressione, quindi la povertà ha costretto il giovane a studiare duramente. I suoi sforzi furono premiati: ottenne un dottorato in matematica all’Università della California. Questo avvenne nel 1958.

Dopo gli studi, Edward ha lavorato per 2 anni alla Massachusetts Technological University. Nel 1961 ottenne un posto come professore di matematica in un istituto scolastico statale del Nuovo Messico. Nel 1965 si trasferisce all’Università della California. Nei primi due anni ha insegnato matematica e successivamente finanza. Il lavoro in università prestigiose ha contribuito alla sua ricerca scientifica.

I primi passi dello scienziato nel gioco d’azzardo

Durante gli studi, Edward non era affatto un accanito giocatore d’azzardo. L’interesse per il blackjack, disponibile anche allo Slot Palace, è nato da una conversazione casuale nel corridoio dell’università. Diversi professori stavano discutendo di gioco d’azzardo e sostenevano che era impossibile vincere nei casinò a causa del vantaggio dell’istituzione.

A quel tempo, il matematico conosceva già la strategia finanziaria del Criterio di Kelly, apparsa nel 1956. Questo approccio lo spinse a mettere alla prova la teoria dei professori sull’impossibilità di vincere costantemente al casinò. Il futuro autore del bestseller iniziò a studiare il blackjack. Il matematico notò subito alcune peculiarità: più il mazzo di carte è grande, maggiore è il vantaggio del giocatore.

Al Massachusetts Institute of Technology, di cui gli ospiti dello Slot Palace saranno a conoscenza, Thorpe ebbe accesso a un computer IBM 704. Per imparare a usarlo, imparò il linguaggio di programmazione FORTRAN. Il computer gli permise di eseguire calcoli di probabilità e di verificare come le carte mancanti influiscano sul risultato finale del blackjack. Sulla base dei dati ottenuti, fu sviluppato un semplice schema che aumentava il vantaggio del giocatore dallo 0,27% allo 0,61%, a seconda delle regole.

Dalla teoria alla pratica

Da scienziato, Edward Thorpe si rese conto che era necessaria una ricerca pratica per confermare l’efficacia del sistema. A tal fine, investì 10.000 dollari dei suoi fondi personali e prese come socio Manny Kimmel, un ex allibratore e ricco giocatore d’azzardo professionista. All’inizio si recarono nei casinò di Reno e sul lago Tahoe. I primi risultati dell’esperimento sono stati positivi: durante il fine settimana il matematico ha vinto 11.000 dollari.

Il suo metodo cominciò presto a essere discusso attivamente dai dipendenti dei casinò. In molti stabilimenti a Edward veniva negato l’ingresso, così a Las Vegas usò un travestimento. Gli occhiali con la montatura rotonda e la barba finta erano sufficienti per superare l’ingresso principale senza problemi. Il successo di Thorpe divenne oggetto di discussione tra gli appassionati di gioco d’azzardo, il che lo spinse a pubblicare un libro, “Beat the Dealer”, nel 1966. Il libro vendette 700.000 copie, sufficienti per entrare nella classifica dei bestseller del New York Times.

Thorpe è la causa di altre interdizioni

Nel 1955 Edward Thorpe pensò di creare un computer portatile – oggi questi dispositivi sono chiamati smart watch. La versione finale funzionante fu realizzata nel giugno 1961 insieme a Claude Shannon. Crearono un dispositivo delle dimensioni di un pacchetto di sigarette. Il computer prevedeva con un alto grado di probabilità il numero risultante nella roulette, disponibile anche in Slot Palace, determinando la velocità della pallina e la rotazione della ruota.



Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.