Segnala a Zazoom - Blog Directory

Notte di fuoco a Monte Caputo: dopo essere stato spento, riesplode l’incendio

“Da domani” – comunica l’assessore Naimi – “avrà inizio l’attività di pattugliamento del territorio…”

MONREALE – Si prevede una notte di fuoco oggi in uno dei territori montani della cittadina normanna. Stiamo parlando di Monte Caputo: alte fiamme interessano il Monte in linea con la parte finale della Carrubella. Diversi in zona i terreni privati incolti che alimentano le fiamme. Altri privati, invece, hanno creato, agendo in prevenzione, la striscia tagliafuoco.

Da domani” – comunica l’assessore Naimi – “avrà inizio l’attività di pattugliamento del territorio e sarà impiegato il personale della Protezione Civile comunale con l’ausilio delle associazioni di settore”.

Intanto la montagna brucia e col calar del sole la situazione diventa ancor più grave: scarsa visibilità e difficoltà di intervento hanno spinto i Vigili del Fuoco a porre contestualmente in atto tutte quelle operazioni preventive a protezione delle abitazioni/villette vicine all’incendio.

La rocciosità del territorio ha complicato le operazioni di spegnimento e, considerato l’orario serale, non si può porre speranza nell’intervento del canadair. Il suo intervento, qualora fosse ancora necessario, sarebbe possibile solo all’alba di domani mattina.

INCENDIO PRIMA SPENTO E POI RIESPLOSO (VIDEO in fondo alla pagina)

L’incendio, a noi segnalato alle ore 14:17 (LEGGI QUI), era stato prontamente domato grazie al tempestivo intervento dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile comunale e volontaria (Overland) che infatti nel pomeriggio, ristabilite le condizioni di normalità, avevano anche lasciato il posto.

A distanza di poche ore la situazione è di nuovo precipitata. Forse un piccolo focolaio alimentato dal vento ha fatto sì che le fiamme prendessero il sopravvento sul creato, continuando a distruggere parecchi ettari di vegetazione.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.