Segnala a Zazoom - Blog Directory

30 anni fa l’attentato al giudice Falcone: dal Foro Italico al Teatro Massimo: le tappe della commemorazione

Palermo commemorerà la strage di Capaci attraverso celebrazioni, cortei e manifestazioni. Tra i grandi presenti il presidente della Repubblica Mattarella e la sorella del giudice Maria Falcone

Celebrazioni, cortei e manifestazioni, Palermo è pronta a commemorare i 30 anni dalla strage di Capaci in cui persero la vita il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, e i giovani agenti della scorta. Si comincerà dal Foro Italico, dalle 10 alle 11.30 dove saranno presenti il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, la presidente della Fondazione Falcone Maria Falcone. Tra gli ospiti avremo anche il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, dell’Interno Luciana Lamorgese, della Giustizia Marta Cartabia, dell’Università Maria Cristina Messa, degli Esteri Luigi Di Maio e il capo della Polizia Lamberto Giannini. Ci saranno anche il procuratore nazionale antimafia Giovanni Melillo e il procuratore di Roma Francesco Lo Voi.

Tante le testimonianze civili e culturali sul palco del Foro Italico dalle 12.30 alle 13, dalle 14.30 alle 16.30 e poi dalle 19 fino alle 20.15. Saranno presenti il cantante Gianni Morandi, l’artista Paolo Belli, l’attore teatrale Alessandro Ienzi e la cantante Malika Ayane. Alla Kalsa intorno alle 12, nel complesso monumentale dello Spasimo si svolgerà il convegno sul “Programma Falcone-Borsellino”, organizzato dal Ministero degli Esteri è un’iniziativa dedicata al contrasto del crimine nei Paesi latinoamericani e caraibici.

Dalle 17 la città si ritroverà sotto l’Albero Falcone quella che fu la casa di Giovanni Falcone. E’ prevista l’esibizione di personaggi del mondo della musica come Gianni Morandi, Malika Ayane e Matteo Marrone, attesi anche personaggi del mondo dello spettacolo come I Sansoni e Roberto Lipari. Oltre a queste saranno diverse le iniziative per commemorare il giudice Falcone, la moglie e sua scorta: dalle 9 sul Piano della Cattedrale verrà inaugurata l’infiorata rappresentante il Logo Araldico della Polizia di Stato dedicato alle vittime delle stragi di Capaci e via D’Amelio realizzato dai Maestri Infioratori di Noto.

Alle 17 verrà inaugurata una parete scultorea al Chiostro della Questura, realizzata dal maestro Nicolò Giuliano, saranno presenti le autorità Civili e militari. Intorno alle 17, presso il Giardino della Memoria, sull’autostrada “A29”, verranno presentate alcune opere artistiche. La Santa Messa in suffragio delle vittime chiuderà le celebrazioni intorno alle 19. Il Teatro Massimo commemorerà il trentesimo anniversario della strage con una Messa da Requiem. Ad eseguirla, l’Orchestra e il Coro del Teatro Massimo, diretti da Omer Meir Wellber, con un organico imponente composto da 80 professori d’orchestra, 75 artisti del Coro, e le voci di quattro cantanti straordinari: il soprano Angela Meade, interprete eccellente nei ruoli più esigenti del Belcanto e nelle opere di Verdi e Mozart; il mezzosoprano Marianna Pizzolato, tra le artiste più versatili e acclamate della sua generazione; il tenore italo-inglese Freddie De Tommaso, voce fenomenale e talento nella tradizione dei grandi tenori italiani, vincitore del Premio Operalia Placido Domingo; il basso Michele Pertusi, uno dei più grandi cantanti della scena lirica mondiale, interprete di riferimento del repertorio verdiano. Maestro del Coro è Ciro Visco. Articolata in sette grandi sezioni, Requiem e Kyrie, il celebre Dies irae col suo minaccioso attacco, il Domine Jesu, Sanctus, Agnus Dei, Lux aeterna, Libera me de morte aeterna, la Messa è un’opera di grande spiritualità, una riflessione sulla vita e sulla morte caratterizzata al contempo da un grande afflato operistico.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.