Segnala a Zazoom - Blog Directory

Verrà restaurato l’organo dell’Abbazia di San Martino delle Scale

Investiti quasi 24 mila euro. Il presidente del consiglio comunale Intravaia: “Si salvaguarda un’importante eredità culturale e spirituale del territorio”

Con un intervento da quasi 24 mila euro finanziati dalla Regione tornerà a risuonare il monumentale organo a canne dell’abbazia benedettina di San Martino delle Scale. Lo ha deciso il governatore Nello Musumeci, accogliendo la richiesta dell’abate Vittorio Rizzone.

L’organo, costruito dalla ditta Mascioni di Cuvio, in provincia di Varese, svetta sul coro ligneo della Basilica. Strumento a trazione meccanica, è stato progettato nella cassa settecentesca ed è tra i più grandi strumenti italiani. L’organo ad oggi è inutilizzabile a causa di alcuni roditori che hanno provocato una perdita d’aria dovuta ai fori che non fanno più “parlare” bene le canne alterando anche la pressione.

 

“Insieme al gruppo consiliare di Diventerà Bellissima, Pillitteri, Alduina e Lo Coco, ci siamo interessati al problema, abbiamo accolto la segnalazione da parte dell’abate, padre Vittorio Rizzone, – afferma il presidente del Consiglio Comunale, Marco Intravaia, – sottolineando l’impegno svolto per trovare la soluzione. “Il presidente Nello Musumeci, sempre sensibile ai problemi legati alla cultura e al patrimonio artistico, ha accolto la richiesta di finanziamento a lui va il mio ringraziamento personale e quello della città di Monreale”.

“L’abbazia di San Martino – conclude Intravaia -, una delle più importanti in Italia, da secoli rinomato centro culturale e spirituale, è ancora oggi un punto di riferimento sul territorio. Fondata, secondo la tradizione, da Papa Gregorio I si è arrichita nei secoli ed è diventata uno scrigno di opere d’arte”.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.