L’Arcidiocesi di Monreale si prepara alla celebrazione di apertura del Sinodo

Domenica 17 ottobre i fedeli saranno invitati ad accompagnare il cammino sinodale con la preghiera. La celebrazione sarà preceduta da due diversi momenti che si terranno il 15 e il 16 ottobre (continua a leggere)

MONREALE – Alle ore 10.00 del 10 ottobre 2021, nella Basilica di San Pietro a Roma, il Santo Padre Francesco ha celebrato la Santa Messa per l’apertura della XVI Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi “Per una Chiesa sinodale: comunione, partecipazione e missione”.

Inoltre, è fissata per domenica 17 ottobre 2021, in tutte le diocesi e arcidiocesi, l’apertura del sinodo, sotto la presidenza del rispettivo vescovo.

Il percorso per la celebrazione del Sinodo si articolerà in tre fasi, tra l’ottobre del 2021 e l’ottobre del 2023, passando per una fase diocesana e una continentale, che daranno vita a due differenti Instrumentum Laboris, fino a quella conclusiva a livello di Chiesa Universale.

La nostra Chiesa diocesana” – scrive Mons. Antonino Dolce nel sito ufficiale della diocesi di Monreale – “ farà coincidere l’apertura del Sinodo con l’inizio del nuovo Anno Pastorale che, come di consueto, avrà due momenti:

1. la celebrazione eucaristica in Cattedrale alle ore 17.00 di venerdì 15 ottobre e

2. la giornata di studio, sabato 16 ottobre, a Poggio San Francesco su Sinodalità per la missione della Chiesa: lo stile e le pratiche”, tema che sarà trattato da Mons. Riccardo Battocchio, Presidente dell’Associazione Teologica italiana e Consultore del Sinodo dei Vescovi.

Domenica 17, nelle Parrocchie, dopo aver illustrato il significato del Sinodo, si inviteranno i fedeli ad accompagnare il cammino sinodale con la preghiera”.

COSA È IL SINODO. PERCHÈ È IMPORTANTE.

Pubblichiamo di seguito i punti salienti dell’omelia del Santo Padre del 10.10.2021

Il sinodo è un processo di incontro che vede riunirsi i preti e i fedeli di ogni diocesi col compito di prendere in esame ciò che concerne la vita pastorale e in genere la vita della Chiesa. In questo luogo di incontro, l’ascolto è fondamentale per il discernimento spirituale.

In questi giorni Gesù ci chiama, come fece con l’uomo ricco del Vangelo, a svuotarci, a liberarci di ciò che è mondano, e anche delle nostre chiusure e dei nostri modelli pastorali ripetitivi; a interrogarci su cosa ci vuole dire Dio in questo tempo e verso quale direzione vuole condurci”

le parole di Papa Francesco

Leggiamo insieme le parole del Santo Padre che nel sottolineare l’importanza del “Fare Sinodo” si sofferma sui verbi: incontrare, ascoltare e discernere.

Fare Sinodo significa camminare sulla stessa strada, camminare insieme. Guardiamo a Gesù, che sulla strada dapprima incontra l’uomo ricco, poi ascolta le sue domande e infine lo aiuta a discernere che cosa fare per avere la vita eterna”.

Ora, riflettiamo sul significato dei tre verbi del sinodo.

 

INCONTRARE

Ogni incontro” – dice il Santo Padre durante l’omelia – “richiede apertura, coraggio, disponibilità a lasciarsi interpellare dal volto e dalla storia dell’altro. Mentre talvolta preferiamo ripararci in rapporti formali o indossare maschere di circostanza (…), l’incontro ci cambia e spesso ci suggerisce vie nuove che non pensavamo di percorrere”. (…)

Tuttavia, un vero incontro nasce dall’ascolto.

ASCOLTARE

Quando ascoltiamo con il cuore succede questo: l’altro si sente accolto, non giudicato, libero di narrare il proprio vissuto e il proprio percorso spirituale”

Gesù quando incontra l’uomo ricco (Mc10,17), ascolta la sua domanda («Maestro buono, cosa devo fare per avere la vita eterna?») e non da una risposta di rito o preconfezionata, non ascolta solo con le orecchie ma soprattutto col cuore!

Fare Sinodo è porsi sulla stessa via del Verbo fatto uomo: è seguire le sue tracce, ascoltando la sua Parola insieme alle parole degli altri. (…)” – Poi il Santo Padre ribadisce e lancia un invito ai fedeli

Non insonorizziamo il cuore, non blindiamoci dentro le nostre certezze. Le certezze tante volte ci chiudono. Ascoltiamoci.

DISCERNERE

L’incontro e l’ascolto reciproco non sono qualcosa di fine a se stesso (…). Al contrario, quando entriamo in dialogo, ci mettiamo in discussione, in cammino, e alla fine non siamo gli stessi di prima, siamo cambiati. Il Vangelo oggi ce lo mostra. (…)” .

Il Sinodo non deve tradursi in unaconvention” ecclesiale, (…) ma in un processo di guarigione condotto dallo Spirito.

 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.