Perché brucio il bosco? 

Bruci e metti a rischio vite umane, distruggi l’economia, annerisci un angolo di mondo, un piccolo polmone

0

Perché brucio il bosco?

Questa domanda devi pur fartela prima o poi.

Bruci e annerisci un angolo di mondo, un piccolo polmone che dona aria migliore in un mondo sempre più inquinato.

Uccidi migliaia di esseri che stavano lì per tenere in piedi una catena che dona equilibrio al mondo, il tuo mondo.

Metti a repentaglio la vita di fratelli, sorelle, di padri e di madri e le loro case costruite con sacrificio, anche tu hai una casa, un padre o una sorella o dei figli.

Non ti importa della pelle dei volontari e dei forestali onesti che tentano di domare le fiamme.

Distruggi l’economia, se credi di farci qualche soldo piantando qualche albero dopo che tutto è diventato carbone sei un ingenuo stolto.

Ci fosse una, soltanto una motivazione per cui ne valga la pena, ma pur stando a studiarci su non se ne cava nessuna. 

Bruciare un bosco è soltanto uno scempio.

Perché bruci il bosco? Forse perché sei un piccolo omuncolo che ha degli interessi insulsi come quegli amici tuoi che seppelliscono rifiuti tossici, spacciano “roba”, uccidono giudici e uomini di giustizia. 

Il tuo è un crimine non meno grave di quelli che ti ho appena sciorinato e purtroppo pochi di quelli come te vengono puniti come meritano. 

Mi auguro che tu possa redimerti, ma se ciò non succedesse il tuo inferno finirà per distruggerti, esiste sai il Karma…e in tanti lo invochiamo.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.