Un canile a contrada Cerasa, ospiterà fino a 50 randagi, FI: “Una soluzione concreta”

L’opera ricade nel territorio di Monreale, in un bene sequestrato alla mafia, potrebbe essere a servizio dei comuni di San Giuseppe Jato, San Cipirello, Santa Cristina Gela e Piana degli Albanesi

0

MONREALE – Questa mattina è stato consegnato e protocollato il progetto definitivo che prevede la realizzazione di un canile presso contrada Cerasa, un agro compreso tra i territori di Monreale e il comprensorio jatino, che ha la capacità di ospitare 50 randagi ed è dotato di diversi ambienti e attrezzature utili allo svolgimento di attività veterinarie.

A comunicarlo il deputato regionale di Forza Italia e componente della Commissione Speciale di inchiesta sul fenomeno del Randagismo in Sicilia Mario Caputo e dai consiglieri comunali Mimmo Vittorino e Silvio Terzo, a seguito della consegna dell’elaborato presso l’ufficio protocollo del palazzo di Città. Si tratta di un’opera ricadente nel territorio di Monreale presso un’area geograficamente strategica, già sequestrata alla mafia e che potrebbe essere a servizio dei comuni di San Giuseppe Jato, San Cipirello, Santa Cristina Gela e Piana degli Albanesi. 

“Forza Italia – continuano i forzisti – propone una concreta e definitiva soluzione al fenomeno del randagismo che da sempre e soprattutto negli ultimi giorni, per i fatti noti alla cronaca, sta assumendo un pericolo per l’incolumità personale nonché un dramma sociale e culturale”.

“Auspichiamo che l’amministrazione comunale accolga positivamente la nostra iniziativa, nell’ottica di collaborazione istituzionale, attivando celermente l’iter amministrativo per l’acquisizione dell’elaborato e l’avvio delle procedure burocratiche per la trasformazione del progetto in definitivo. Peraltro, l’iniziativa era già stata condivisa e concertata con l’amministrazione comunale e, successivamente ai controlli, il sito è risultato essere idoneo dal punto di vista urbanistico e sanitario, ottenendo tra l’altro parere favorevole dal presidente della Confederazione regionale associazioni animaliste, Salvatore Libero Barone, anch’egli presente ad uno dei sopralluoghi avvenuti lo scorso novembre”.

“Cani di città”, presentato a Monreale il progetto per gestire i randagi

“Ringraziamo – chiosano gli azzurri – i tecnici dello studio ‘Officine Tecniche AZ’ che hanno accolto il nostro invito e che con grande impegno hanno redatto questo importante elaborato progettuale che garantirà un servizio inedito e tanto atteso dalla città di Monreale che, oltre ad essere la risoluzione di un fenomeno importante, è un grande gesto di civiltà e di tutela e rispetto nei confronti degli animali. Nei prossimo giorni saranno illustrati i particolari del progetto e le rispettive misure regionali dalle quali attingere le risorse finanziarie nell’ambito di un incontro al quale parteciperanno gli autori del progetto, i rappresentanti politici di Forza Italia, il consulente della commissione randagismo e le associazioni animaliste locali”.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.