Irregolarità nei ristoranti sushi-bar, sequestrati alimenti ed elevate sanzioni

Il pesce non era tracciabile e possedevano telecamere abusive. Oltre 60 chilogrammi di alimenti sono stati sottoposti a sequestro amministrativo

Telecamere abusive e pesce non tracciabile in due sushi bar. L’operazione condotta dai Carabinieri della Compagnia di Partinico, del NAS e del Nucleo Elicotteri di Palermo ha permesso di effettuare tre denunce e 5mila euro di sanzioni. 

A Borgetto, un ristorante-sushi bar, gestito da un cittadino di nazionalità cinese, e a Partinico un’analoga attività gestita da un’italiana sono state sanzionate dal momento che i carabinieri hanno riscontrato la violazione delle disposizioni in materia di rintracciabilità degli alimenti e l’installazione di un sistema di videosorveglianza all’interno dell’esercizio, senza alcuna autorizzazione.

I titolari degli esercizi sono stati deferiti, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palermo, e gli sono state comminate sanzioni amministrative di 1.500 euro ciascuno, con la diffida ad eliminare le inadeguatezze riscontrate; oltre 60 chilogrammi di alimenti sono stati sottoposti a sequestro amministrativo.

Centinaia sono state le persone controllate anche a bordo di autoveicoli, in un caso, una 42enne, con precedenti inerenti reati contro il patrimonio, è stata denunciata per “possesso ingiustificato di attrezzi da scasso”, nel bagagliaio della sua vettura celava un grimaldello, comunemente detto piede di porco.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.