Modelle costrette a prostituirsi, al via il processo per Francesco Pampa e Max Vicari

Il processo si terrà fra qualche settimana davanti al GUP Rosario Di Gioia. In questo momento sia Pampa che Vicari si trovano in carcere, per Filippo Giardi invece il gip aveva disposto i domiciliari

0

MONREALE – Secondo la Procura dietro l’agenzia di moda “Vanity Models Management” ci sarebbe stato un giro di prostituzione minorile. I titolari avrebbero spinto le giovani aspiranti modelle a vendersi per delle somme che vanno dai 50 ai 150 euro. 

Per i due titolari dell’azienda Francesco Pampa e Max Vicari e Filippo Giardi – anche lui avrebbe consumato rapporti a pagamento con una minorenne – la Procura ha chiesto e successivamente ottenuto il giudizio immediato.

I tre erano stati arrestati dalla squadra mobile lo scorso 14 gennaio e hanno optato per il rito abbreviato.

Il processo si terrà fra qualche settimana davanti al Gup Rosario Di Gioia. In questo momento sia Pampa che Vicari si trovano in carcere, per Filippo Giardi invece il Gip aveva disposto i domiciliari.

Arrestato Francesco Pampa, coinvolto in un giro di prostituzione minorile

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.