Roccamena: “I contributi andranno a tutte le aziende che ne hanno fatto richiesta, rispettato l’ordine di presentazione delle domande”

Il sindaco Giuseppe Palmeri: “Abbiamo preferito dilazionare su più anni le domande, così da elargire ad ogni impresa importi maggiori”

0

ROCCAMENA“Entro giugno 2021 provvederemo alla liquidazione dei contributi assegnati alle prime 14 imprese che ne hanno fatto domanda. Successivamente provvederemo a predisporre la seconda tranche per il 2021, alla quale avranno diritto le aziende che per esaurimento di risorse erano rimaste fuori dal primo bando”.

È la dott.ssa Rosa Damiano, segretario comunale del comune di Roccamena, a spiegare come l’amministrazione comunale abbia deciso di destinare i finanziamenti ministeriali previsti dal Fondo di sostegno alle attività economiche, artigianali e commerciali per il triennio 2020-2022. La dotazione finanziaria complessiva è di €70.815,00 da spalmare nei tre anni: €30.349,00 per il 2020, €20.233,00 per il 2021 e €20.233,00 per il 2022.

“Il fondo – spiega il segretario comunale – permette di coprire, fino ad un tetto massimo di 3.000 €, un’alta percentuale degli investimenti fatti dalle aziende locali per adeguamenti alla normativa anticovid, alle norme di sicurezza, ma anche per piccoli interventi necessari per fare decollare le attività in un momento di forte crisi, ad esempio per creare un sito online o aderire a piattaforme di e-commerce”.

“Le istanze presentate sono state 23 – spiega il sindaco Giuseppe Palmeri -. Se le avessimo accolte tutte per il 2020 avremmo distribuito piccole somme ad ogni azienda. Abbiamo preferito dilazionare su più anni le domande, così da elargire il massimo previsto”.

Le aziende a beneficiare di questa prima trance sono state 14, con importi che vanno dai 900 € a circa 2.600 €, in base ai costi previsti dal progetto presentato. 

Il comune non è entrato nel merito dei progetti. “Non abbiamo fatto una selezione delle istanze, sono state tutte esitate favorevolmente. Il criterio di aggiudicazione previsto è stato solo quello dell’ordine cronologico di presentazione delle domande. In fase di liquidazione delle somme richiederemo le fatture e verificheremo che gli investimenti siano stati realmente fatti”, spiega il segretario.

Una volta liquidate le somme per l’anno 2020 (entro giugno 2021), il comune sarà autorizzato ad elargire la seconda tranche del fondo. “Come da avviso pubblico – spiega la dott.ssa Damiano – chi ha già usufruito del finanziamento per il 2020 non potrà accedere ai fondi per il 2021 né a quelli per il 2022. Le prime aziende ad essere finanziate saranno le 9 che avevano già presentato l’istanza. Ma altre imprese potranno ancora richiedere il finanziamento. C’è tempo fino al 30 aprile”.

Stesso discorso varrà per il 2022, quando vi saranno altri 20.000 € a disposizione.

Il fondo è stato istituito dal Ministero per i comuni delle aree interne. Rappresenta una forma di ristoro per le aziende in crisi, per quelle che vogliono investire e rinnovarsi. Ma costituisce un’opportunità anche per le start up o per aziende giovani che con un contributo modesto avranno la possibilità di nascere, così da frenare a Roccamena l’esodo dei giovani in cerca di lavoro.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.