Corleone, dato alle fiamme il portone d’ingresso della Chiesa di Sant’Agostino

Don Luca Leone: “Pregheremo anche per i vandali”

0

CORLEONE – Alle prime luci dell’alba di oggi la Chiesa di Sant’Agostino di Corleone è stata bruscamente svegliata da uno scellerato gesto vandalico che ha bruciato il portone d’ingresso dell’edificio sacro in cui oggi si festeggia la festa liturgica del santo monaco bizantino Leoluca.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno prontamente spento l’incendio impedendo danni maggiori alla preziosa chiesa del XV secolo, e le forze di Polizia hanno subito dato inizio ai rilievi per le indagini del caso.

Corleone ha una ricca tradizione religiosa e culturale e i parroci di Corleone sono fortemente impegnati a indirizzare le nuove generazioni verso la strada della reazione morale alla mafia attraverso una crescita culturale e sociale per sostenere un processo di riappropriazione di una identità positiva.

Non si conoscono le ragioni di un gesto insensato come quello di questa mattina, che nella festa di oggi ha turbato le celebrazioni liturgiche di San Leoluca.“Certamente questo non farà mancare la preghiera per questa città – ha dichiarato il parroco, don Luca Leone – e anche per questi ignoti vandali, affinché per intercessione del Santo Monaco bizantino, il pentimento del male fatto porti frutti nuovi di conversione”.

Il faticoso e lungo lavoro di rinascita per questo paese ha visti impegnati in questi anni la Chiesa di Monreale, per mezzo della Caritas diocesana e in partenariato con Confcooperative Sicilia, nella valorizzazione e gestione dei beni culturali ecclesiali a Corleone: “Questa terra sarà bellissima”  è un progetto di sviluppo di comunità, sostenuto con i fondi 8xmille.

“Sembra profetico questo progetto per Corleone – ha affermato questa mattina il vescovo, mons Michele Pennisi, che oggi pomeriggio sarà a Corleone in occasione della festa del Santo Patrono della Città –, esso nasce dal desiderio di offrire la “via della bellezza”, coniugata con la legalità e la solidarietà, e la fatica della lotta alla durezza e brutalità di simili gesti, come quello di oggi, ci fanno capire che siamo sulla via giusta”.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.