Coronavirus, continuano a salire i contagi in Sicilia: nelle ultime 24 ore 1.155 nuovi casi

9.376 tamponi processati (12% la percentuale di positivi). Si registrano 19 morti e 324 guariti.

0

Continuano ad aumentare i casi da coronavirus in Sicilia. Nelle ultime 24 ore sull’isola si registrano 1.155 nuovi casi. E’ record di numero dei tamponi: oggi se ne contano 9.376 (12% la percentuale di positivi). Sono invece 19 le nuove vittime. Mentre ben 324 i guariti.

Massima attenzione nei confronti degli ospedali. I ricoverati diventano 33 in più, mentre i posti in terapia intensiva occupati sono in calo. Infatti, scendono a 148. Gli attuali positivi sull’Isola sono 17.618, di cui 16.365 in isolamento domiciliare.

I casi provincia per provincia

La nostra mappa

Palermo oggi è la provincia più colpita con ben 352 nuovi casi. A seguire la città di Catania con 324. Messina 103; Ragusa 98; Trapani 54; Siracusa 41; Agrigento 134; Caltanissetta 27; Enna 22.

Chiusi a Palermo gli uffici dell’assessorato alla scuola di Palermo

Domani 5 e dopodomani 6 novembre, gli uffici dell’assessorato all’Istruzione di via Notarbartolo saranno chiusi in via precauzionale. La decisione è stata presa dopo che un dipendente in servizio, ma assente da diversi giorni ha comunicato la positività al Covid 19. La riapertura dell’assessorato, dopo i relativi lavori di sanificazione, è prevista per lunedì 9 novembre.

La situazione in Italia

Aumentano, anche se in maniera minore, i contagi in tutta la Penisola. Nelle ultime 24 ore si sono registati 30.550 nuovi casi, circa 2 mila più di ieri. Stabile anche l’incremento delle vittime, 352 in un giorno che portano il totale a 39.764.

Ancora una volta la regione ad essere maggiormente colpita è la Lombardia: 7.758 i casi individuati nelle ultime 24 ore, circa mille in più rispetto alla giornata di ieri. L’ultimo bollettino sul coronavirus pubblicato ieri martedì 3 registrava 28.244 nuovi casi e 353 morti, con il preoccupante avvicinamento dei 2.300 letti di terapia intensiva occupati.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.