Brucia ancora Altofonte, aria irrespirabile a Palermo: un centinaio di persone sono sfollate

Restano adesso i dubbi sulle cause dell'incendio, di origine dolosa, cinque punti d'innesco ieri notte all'interno del bosco di Moarda

0

Quella appena trascorsa è stata una notte d’inferno che sarà difficile da dimenticare per gli abitanti di Altofonte, paese che si trova alle porte di Palermo. Le fiamme sono partite ieri sera, intorno alle 22:30, contemporaneamente in cinque punti del bosco di Moarda. Successivamente per via dei venti di Scirocco le fiamme sono avanzate minacciose verso il centro abitato. Per precauzione il sindaco De Luca ha ordinato l’evacuazione di oltre mille persone che hanno trascorso la notte nelle strutture allestite dalla protezione civile presso il campo sportivo Don Pino Puglisi. Oltre ai volontari erano presenti i sanitari del 118.

Fortunatamente il bilancio del vasto incendio è di un’automobile incendiata assieme ad alcuni casolari abbandonati. Non si registrano feriti. Per circoscrivere e successivamente spegnere l’incendio le squadre dei vigili del fuoco si sono dovute dividere in aree diverse. Due di queste sono anche intervenute da Enna e Caltanissetta. Poi a causa dell’incendio si è verificato un blackout generale e l’acqua destinata alle abitazioni di via Mohardella, Torretta, Buttafuoco, Poggio San Francesco e Valle Malva è stata deviata e destinata ai mezzi antincendio.

Questa mattina intorno alle 7:45 è arrivato il primo Canadair da Lamezia Terme, e intorno alle 8:30 un elicottero della Forestale si è alzato da Boccadifalco per aiutare le squadre a terra. Non aiutano in queste ore i venti di scirocco che continuano ad alimentare le fiamme. L’onda di calore e il fumo prodotti dagli incendi continuano a spingersi verso la città di Palermo facendo rialzare le temperature e portando la cenere per le strade.

“L’aria è irrespirabile”, dicono i passanti, e in molti sono costretti a indossare la mascherina per via del forte odore e del pulviscolo. Restano adesso i dubbi sulle cause dell’incendio, che sarebbe di origine dolosa. Lo si può notare dai cinque punti d’innesco rilevati all’interno del bosco di Moarda.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.