Coronavirus, muore ragazza disabile, Troina  dichiarata quarta «zona rossa» della Sicilia

Divieto di accesso e di allontanamento dal territorio comunale, sospensione di ogni attività degli uffici pubblici, a eccezione dei servizi essenziali e di pubblica utilità

0

TROINA (ENNA) – Si è verificato il primo caso di decesso da Coronavirus presso l’Oasi Maria SS., l’Istituto di ricovero e cura di Troina, nell’ennese, che si occupa di disabilità. Un centro d’eccellenza che registra un grosso focolaio da Covip.19. Erano 70 i casi confermati tre giorni fa. È questo l’ultimo dato aggiornato, in attesa dei risultati degli utili tamponi.

Intanto al centro sono stati inviati sette sottufficiali medici dell’esercito a supporto del personale interno. Altri 9 arriveranno oggi, assieme ad altri 3 ufficiali medici.

Intanto ieri sera il governatore della Sicilia ha dichiarato Troina  dichiarata quarta «zona rossa» dell’isola.

Fino al 15 aprile, nel centro montano dell’entroterra, vigerà il divieto di accesso e di allontanamento dal territorio comunale e la sospensione di ogni attività degli uffici pubblici, a eccezione dei servizi essenziali e di pubblica utilità. Potranno entrare e uscire dal paese solo gli operatori sanitari e socio-sanitari, il personale impegnato nell’assistenza alle attività inerenti l’emergenza, nonché esclusivamente per l’ingresso e l’uscita di prodotti alimentari, di prodotti sanitari, di beni e servizi essenziali. 

Inoltre, è consentito il transito, in entrata e in uscita, dei residenti o domiciliati (anche di fatto) nei Comuni interessati, esclusivamente per garantire le attività necessarie per la cura e l’allevamento degli animali, nonché per le attività imprenditoriali non differibili in quanto connesse al ciclo biologico di piante.

Il provvedimento si è reso necessario per evitare il diffondersi del contagio del Covid-19, dopo che gli uffici dell’Asp hanno segnalato ben 94 casi di positività al Coronavirus, essenzialmente circoscritti tra pazienti ed operatori del Centro “Oasi”.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.