I monrealesi e la loro devozione al Patruzzu amurusu. La preghiera in dialetto siciliano

Quando chiedono la “Grazia” si rivolgono a Gesù sulla Croce e a Maria, Madonna del Popolo

“Frevri, tussi e malatia Oh Signuri mannatili via”. La preghiera scritta da Maria Sapienza

Qualche giorno fa l’arcivescovo di Milano Mario Delpini, si è recato privatamente sulle terrazze del Duomo per rivolgere alla Madonnina una speciale preghiera di intercessione per i milanesi e tutta la Diocesi ambrosiana.

I monrealesi quando chiedono la “Grazia” si rivolgono a Gesù sulla Croce e a Maria, Madonna del Popolo. Proponiamo una preghiera nel dialetto siciliano, scritta da Maria Sapienza.

Frevri, tussi e malatia

Oh Signuri mannatili via.

Preu matina e sira, Marunnuzza

Pi sta matri e Pi la so nichuzza.

Picciotti Vecchi e picciridduzzi

‘Nchiusi rintra na aggia comu acidduzzi.

Nenti travagghiu e nenti scola

E mancu l’aeroplano rumani vola.

Semu scantati pi sta pesti ca’ nni fa curcari

Gesuzzu e Maria scanzatici ri stu mali.

Fati chioviri acqua biniridda

pi lavari sta granni minnitta

ca’ sta ‘mpuvirennu  lu nostri paisi

e tanti cristiani ‘nun ch’arrivanu a fini misi.

Protiggiti li nostri cari e

li figghi luntani e li vicchiareddi

li duttura, l’infermera e li malateddi.

Stu malu morbu scunfiggiti

Signuri sarvati lu nostru Paisi.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.