Coronavirus, potenziato il servizio telefonico, oltre 4.000 le chiamate in una settimana

Picchi di 150 chiamate l'ora per ciascun operatore: anche amministratori locali e dirigenti scolastici chiedono informazioni sui loro adempimenti

0

PALERMO – Più linee per il numero verde 800.458.787, attivato dal governo regionale Nello Musumeci per far fronte all’emergenza Coronavirus. Il servizio è stato implementato per altre 28 linee telefoniche a cui risponderanno medici e volontari della protezione civile.

Verranno anche configurati i messaggi automatici che permetteranno di fornire una risposta pronta alle domande più frequenti, da rendere così disponibili gli operatori per le richieste che necessitano di approfondimenti particolari.

Il presidente della regione Nello Musumeci ha affermato:

Rendiamo ancora più efficiente un servizio che, in questi giorni, ha molto supportato la richiesta di aiuto e chiarimenti formulata dalla popolazione, non solo siciliana. Sono state oltre quattro mila , in meno di una settimana dalla sua istituzione, le telefonate ricevute. Per questo motivo voglio rivolgere un apprezzamento e un plauso particolare agli operatori e ai volontari che si stanno prodigando per orientare, rassicurare e fornire indicazioni utili agli utenti.

Le domande che in questi giorni sono giunte alla sala operativa sono state molteplici come ad esempio: richieste degli amministratori locali e dei dirigenti scolastici sulle attività amministrative da porre in essere, sulle modalità su cui operare la sanificazione di scuole e uffici, sulla certificazione sanitaria per i casi di quarantena.

Il capo della Protezione Civile regionale, Calogero Foti, ha dichiarato che sono stati raggiunti picchi di 150 telefonate l’ora per ciascun operatore, con una richiesta di qualificazione e competenze che vanno oltre alle funzioni ordinarie svolte.

Per contribuire al monitoraggio della situazione complessiva risulta utile che quanti entrino in territorio siciliano compilino la scheda predisposta dall’assessorato alla Salute che è disponibile sul sito www.costruiresalute.it 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.