Segnala a Zazoom - Blog Directory

Condono edilizio, Vittorino a Giacopelli: “I tecnici comunali sono pochi e oberati di lavoro. Pratiche inevase da 20 anni”

MONREALE – Con un’interrogazione, Mimmo Vittorino dei Popolari per Monreale chiederà, nel prossimo consiglio comunale, di affidare a tecnici esterni la definizione delle pratiche di condono edilizio. “Frettolosa e superficiale” l’ha definita il segretario aziendale della Cisl-Funzione Pubblica, Nicola Giacopelli, che invece vuole fare svolgere il compito ai dipendenti comunali, al di fuori dell’ordinario orario di lavoro.

“È un’opportunità per il comune, i tecnici sono oberati dal lavoro, poi molti presto andranno in pensione” – replica Vittorino a Giacopelli. “Ecco perché è da prendere al volo la delibera della Regione, anche perché non costa nulla. Monreale ha pratiche inevase da 20 anni e il numero dei tecnici comunali – evidenzia- non è sufficiente per smaltire più di 11mila pratiche”.

Il consigliere dei Popolari per Monreale prende spunto dalla nuova delibera 383/2019 della Regione Siciliana che permette ai comuni dell’isola di attingere da un elenco di professionisti per rendere più veloce l’analisi delle pratiche rimaste fino ad oggi chiuse nei cassetti dell’ufficio tecnico. 

E a Monreale i cassetti sembrano essere pieni, e a confermarlo è Giacopelli. “Fra il 1985 e il 2003 sono state presentate all’ufficio tecnico quasi11mila domande di sanatoria, moltissime delle quali risultano ancora non esitate”. A seguito del primo condono, risalente a quasi 35 anni fa, le istanze di regolarizzazione sono state poco più di 6.700: a queste si sono successivamente aggiunte quelle presentate in riferimento ai successivi condoni del 1994 (2.800) e del 2003 (circa 1.300)”.

 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.