Non fu tentata estorsione, assolti due imprenditori agricoli di Corleone

0

I giudici del Tribunale di Trapani hanno assolto dall’accusa di tentata estorsione e lesioni S. A e A.P, rispettivamente di 44 e 39 anni, imprenditori agricoli di Corleone.

I due uomini, difesi dal legale Salvatore Fratelli, sono stati assolti dalla pesante accusa che è stata derubricata nel reato di “esercizio arbitrario delle proprie ragioni”, con conseguente condanna alla pena (sospesa) di cinque mesi di reclusione ciascuno.

La vicenda che vede coinvolti i due impresari agricoli, come riporta il Giornale di Sicilia, risale al 2015 quando a Buseto Palizzolo, nel Trapanese, i due, secondo l’accusa, avrebbero tentato di «procurarsi un ingiusto profitto con violenza e minaccia». Dopo essersi recati più di una volta presso un’azienda agricola del luogo avrebbero insistentemente richiesto il pagamento di un credito di 20 mila euro, derivante dall’acquisto di uva effettuato dall’azienda.

Dopo aver contattato al telefono più volte senza esito la parte debitrice, i due si sono presentati improvvisamente nella loro azienda, buttando a terra e prendendo a calci una macchinetta per il caffè, afferrando per i polsi la Milazzo e stringendole il braccio sinistro, girandoglielo fino a slogarlo. Ed inoltre gettando a terra e rompendo un televisore, minacciando i familiari della donna e facendo intendere di voler uccidere i maschi della famiglia. Un’altra incursione il primo dicembre, sempre per chiedere con modi molto bruschi il pagamento del credito.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.