Un ragazzo ripulisce da solo una scogliera a Balestrate: si chiama Sergio ed è monrealese

1

BALESTRATE – È di Monreale il ragazzo che è riuscito da solo, in un anno, a ripulire del degrado e dai rifiuti una stupenda scogliera situata tra Balestrate e Trappeto, nei pressi della foce del fiume Jato.

Si chiama Sergio e l’anno scorso aveva contattato il WWF Sicilia Nord Occidentale per denunciare le condizioni terribili della scogliera in questione. Anni di inciviltà di persone grette e meschine che abbandonano plastica e rifiuti sulle spiagge, in mare e in generale nel territorio, avevano trasformato una meravigliosa area in una discarica.

L’area interessata si trova al confine tra i comuni di Trappeto e Balestrate, fatto questo che ha comportato non poche difficoltà da parte del WWF nell’accertarne la competenza territoriale. Per organizzare un gruppo di volontariato sarebbe stato necessario coordinare gli enti, i comuni e la capitaneria di porto; così il progetto venne rinviato a data da destinarsi.

Passano i mesi, finché a marzo 2019 Sergio contatta il WWF avvisando che ha provveduto lui stesso, da solo, a rimuovere tutti i rifiuti e ha posizionato circa 50 sacchi di immondizia lungo la scogliera, chiedendo all’organizzazione di coordinare l’amministrazione competente alla rimozione degli stessi.

Ci vollero ancora dei mesi prima che l’amministrazione di Balestrate, nella persona del sindaco Vito Rizzo, dopo numerosi solleciti trovasse il modo di rimuovere i sacchi, ma finalmente il 27 luglio la caletta è ritornata pulita.

Sergio ha fatto tutto questo da solo, fatto che rappresenta un grande merito per lui; tuttavia è impossibile non percepire anche un senso di ingiustizia in tutto ciò: una sola persona, armata di buona volontà e buoni propositi, ha rimediato al danno provocato da tanti incivili. È importante quindi, come sottolineato anche dal WWF, che queste iniziative siano svolte sempre in un’ottica di inclusione e partecipazione, in modo che persone come Sergio non siano lasciate sole.

1 Commento
  1. Benedetto scrive

    Sergio è ciò che dovrebbe essere chiunque di noi, di fronte a cose del genere.
    Mi sorprende l’impedimento burocratico, di fronte ad una situazione degenerante come questa, da parte del WWF.
    Non comprendo, ma rientra nel normale lassismo, l’atteggiamento dell’amministrazione comunale.
    Ancora complimenti a Sergio e spero che diffonda questo modo di agire ai giovani.
    Io di lui sto già raccontando ai miei figli.
    Grande

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.