Segnala a Zazoom - Blog Directory

Monreale. Auto danneggiata per scarsa illuminazione. Il Comune ammette la colpa e risarcisce il danno

Monreale, 4 maggio 2019 – Risale a pochi giorni fa la deliberazione della giunta municipale con cui viene approvato l’accordo transattivo che prevede il bonifico, nei confronti di un cittadino palermitano, di una somma di denaro come risarcimento a un danno causato dalle cattive condizioni del manto stradale.

La buca incriminata si trova in via Cardinale Dusmet, nella frazione di San Martino delle Scale, tratto in cui, tra l’altro, è assente l’illuminazione pubblica. La grossa buca, come riconosciuto dallo stesso comune di Monreale, non era visibile o evitabile. Pertanto l’automobilista, prendendola in pieno, ha riportato danni al veicolo.

Nel febbraio di quest’anno il Comune riceve quindi la lettera dello studio legale con una richiesta di risarcimento pari a 350.00 €. In seguito alle verifiche dell’Ufficio Tecnico Comunale è stata confermata la presenza della buca, ma è stato altresì preso atto del limite di velocità di 10km/h imposto in via Dusmet.

Verosimilmente, come ha fatto notare al richiedente l’ufficio comunale, considerando l’ammontare del danno è probabile che il limite di velocità non fosse stato rispettato: “una velocità rispettosa del limite avrebbe quanto meno determinato un danno meno grave”.

Nonostante questo, il Comune di Monreale ha accordato, ai fini di una bonaria conclusione della controversia, il pagamento di una somma pari a 180.00 € entro 60 giorni dalla data di approvazione della giunta, proposta che è stata accettata dallo studio legale.

Sono numerosi i tratti stradali del territorio di Monreale che presentano buche, dissesti di vario tipo e mancanza di illuminazione, ma fin ora l’unico intervento messo in atto è stato l’abbassamento del limite di velocità. In questo circolo vizioso, il Comune ha ammesso di essere partecipe dei danni provocati dalla mancata manutenzione delle strade, e il pagamento della somma di cui sopra ne è la dimostrazione.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.