Galleria di via Strada Ferrata, chiusa da decenni e utilizzata come deposito da un privato

A fine anni ’90 era stata elevata una sanzione di 500.000 Lire nei confronti dell’occupante. Mai pagata la multa e mai recuperato lo spazio

Monreale, 5 dicembre 2018 – È un caso curioso quello della galleria di via Strada Ferrata, un caso che da parecchi anni viene preso sottogamba dalle amministrazioni e che invece, se risolto, potrebbe portare dei benefici.

Si tratta di una galleria che collega via Strada Ferrata e la Strada Provinciale 69 all’altezza della Fontana del Drago. Via Strada Ferrata prosegue fino a una curva obbligata che la immette in via Ignazio Florio, ma oltrepassando le transenne che impediscono di proseguire si intravede un’altra galleria, che sbuca questa volta sulla rotonda di via Linea Ferrata.

Queste due strade, come suggerirebbero i nomi, sono probabilmente le vestigia di un antico progetto ferroviario. Ma mentre la galleria che collega via Strada Ferrata e via Linea Ferrata sarebbe di scarsa utilità, qualora utilizzata per il traffico veicolare, non si può dire lo stesso di quella che porta alla Fontana del Drago.

Eppure la galleria, che consentirebbe di raggiungere la strada panoramica senza dover passare per il Duomo, è inutilizzabile. È chiusa da tempo immemore, ed è presente all’ingresso di via Strada Ferrata un pesante portone di legno che impedisce l’accesso. L’infisso, come anche l’altro identico che invece si trova all’altra estremità, sembra sia stato posto da un privato , che utilizza la galleria come deposito per materiale edile.

Quanto detto era stato riscontrato nel lontano 1997 con Ordinanza Sindacale n. 439 e nel 1998 con ordinanza n. 70. E ovviamente era prevista la rimozione del portone, del muro nonché una multa di Lire 500.000 che il privato avrebbe dovuto pagare.

A risollevare la questione è stato ultimamente l’Ufficio tecnico di Monreale. Risale al 29/03/2018 una lettera inviata alla Dirigente dell’Area Patrimonio – Tributi, la Dott.ssa Domenica Ficano, evidenziando che la multa non era mai stata pagata e che la situazione era rimasta immutata negli anni.

Stessa cosa accade il 28/05/2018, quando il geometra dell’ufficio tecnico fa nuovamente presente all’Area Patrimonio – Tributi che nulla è cambiato e chiede se sia stata stipulata una convenzione o un contratto di affitto che avesse legalizzato in qualche modo l’occupazione della galleria. Anche a questa sollecitazione non sarebbe seguita alcuna risposta.

Attualmente la galleria è quindi chiusa e adibita a deposito personale, nonostante si tratti di un bene di proprietà del Comune di Monreale che potrebbe essere ristrutturato, aperto e utilizzato come via di collegamento.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.