Roccamena richiede lo stato di calamità naturale. Ingenti danni all’agricoltura

0

Roccamena, 13 novembre 2018 – Anche la Giunta Comunale di Roccamena ha approvato la proposta per richiedere lo stato di calamità naturale a causa dei gravi danni subiti durante i giorni di forte maltempo che hanno interessato la Sicilia.

Il sindaco Tommaso Ciaccio

“Fortunatamente non abbiamo registrato incidenti a persone o gravi disservizi alla viabilità interna al paese – dice il Sindaco di Roccamena, Tommaso Ciaccio -, ma i territori limitrofi al fiume Belíce hanno subito gravissimi danni. Certi tratti stradali non sono percorribili neanche coi trattori. Abbiamo realizzato un video con un drone per documentare le condizioni in cui versano le strade. La Protezione Civile verrà nei prossimi giorni per svolgere i sopralluoghi necessari, ma chiaramente ha dovuto dare priorità a quei Comuni in cui i danni si sono estesi fin dentro le abitazioni”.

Sono stati predisposti i moduli per le segnalazioni dei danni alle coltivazioni e alle proprietà, moduli che saranno successivamente inoltrati all’Ispettorato Agrario. Sono già stati fatti dei sopralluoghi con la presenza di Carabinieri, Vigili Urbani e del Responsabile della Protezione Civile per segnalare i punti di maggiore criticità.

L’intervento della Guardia Forestale ha permesso di arginare, almeno in parte, i problemi causati dalle forti piogge. È stato possibile così liberare almeno le strade principali e ripristinare la viabilità per i mezzi agricoli. Ma l’esondazione del Belíce destro, oltre ad aver reso impraticabili interi tratti stradali, ha causato anche gravi danni a un ponte.

Attualmente si resta in attesa del sopralluogo della Protezione Civile, che valuterà la situazione inoltrando la richiesta alla Presidenza della Regione.

 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.