Monreale. M5S al 50%. Forza Italia secondo partito al 22%. Crolla il PD (7,8%). I dati definitivi di Camera e Senato

0

Monreale, 5 marzo 2018 – 19.529 monrealesi, su un corpo elettorale di 31106 si sono recati ieri alle urne per esprimere la propria preferenza sul rinnovo del Parlamento. Una percentuale del 65,84%, leggermente superiore a quella regionale del 62,7%, ma nettamente inferiore a quella nazionale (73%). Monreale oggi si risveglia a cinque stelle. Dalle urne emerge un dato netto e incontrovertibile: la voglia di svoltare pagina, e di dare una spallata ai partiti tradizionali.

La formazione di Luigi Di Maio alla camera si attesta al 50%, seguita da Forza Italia, con il 22%, e nettamente distaccato il PD (7,8%). La lega, con il 5,34% si attesta davanti a Noi coni l’Italia (4,67%).

Speculare la situazione per il Senato. Il Movimento 5 Stelle, pur non avendo un candidato locale e un solo consigliere comunale, raccoglie il 47,71 % delle preferenze. Segue Forza Italia con il 22 e il PD con il 7,8. Anche in questo caso la Lega, trainata dalla candidatura dell’assessore Santo D’Alcamo, con quasi 7 punti percentuali si pone dinanzi a Noi con l’Italia che candidava Saverio Romano.

Questo risultato assegna una batosta sonora al Partito Democratico e a Noi con l’Italia, partiti che poggiano a Monreale su numerosi consiglieri comunali. La formazione di Saverio Romano aveva anche ottenuto l’appoggio del sindaco Piero Capizzi, ma anche di altri consiglieri del gruppo misto.

Un buon risultato invece per Forza Italia, spinta dai suoi tre consiglieri, Guzzo, Giuliano e Venturella.

 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.