Segnala a Zazoom - Blog Directory

Monreale, raccolta rifiuti a rischio. Autocompattatori fermi alla discarica di Bellolampo

Monreale, 19 dicembre 2017 – Si sta ripresentando il problema delle discariche sature. E di conseguenza il rischio di vedere cumuli di rifiuti per le strade della città. Un problema che riguarda una cinquantina di comuni del palermitano, da quando la EcoAmbiente srl, società che gestisce la piattaforma di Bellolampo, ha chiuso i cancelli agli autocompattatori, già da ieri mattina.

E questo nonostante i comuni avessero ricevuto un decreto del presidente della Regione Siciliana con il quale si ordinava ai Comuni di conferire i rifiuti indifferenziati prodotti nei rispettivi territori presso l’impianto di Bellolampo gestito dalla società EcoAmbiente srl a partire da lunedì 18 dicembre. 

La società invece, già da ieri, non ha autorizzato l’accesso ai comuni scrivendo una nota al Dipartimento dell’acqua e dei rifiuti nella quale ha manifestato l’esigenza di dovere ottemperare a delle manutenzioni necessarie all’accoglimento dei rifiuti. I rifiuti indifferenziati raccolti durante la notte di domenica scorsa non sono stati conferiti in discarica, gli auto compattatori sono stati lasciati fuori dai cancelli, carichi dei rifiuti raccolti la scorsa domenica. «Ieri e oggi – spiega l’assessore con delega ai rifiuti Giuseppe Cangemi – non hanno permesso lo scarico dei rifiuti, per tutta la giornata sono stato insieme al sindaco di Altofonte, attendendo la comunicazione al dipartimento da parte di Ecoambiente con la quale viene sbloccata la situazione». 

La Ecoambiente deve spostare la propria piattaforma mobile all’interno della discarica di Bellolampo. Questo permetterà ai comuni di poter conferire. Nell’attesa si dovrebbe continuare a utilizzare la piattaforma della RAP, ma per non più di due giorni. «Io e Angela De Luca (sindaco di Altofonte, ndr) abbiamo seguito tutta la giornata le comunicazioni tra Ecoambiente, assessorato e Rap. In serata o domani mattina, dovrebbe sbloccarsi la situazione”. Situazione che, se dovesse invece perpetrarsi, rischia di divenire drammatica: “Gli autocompattatori – spiega Cangemi – sono tutti già colmi e domani sarà difficile riuscire a ritirare i rifiuti dalle strade della città”.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.