Segnala a Zazoom - Blog Directory

Rubino (PD): ” Ignazio, Sandro e Nadia hanno lavorato bene. Sostituzioni o conferme saranno valutazioni del gruppo dirigente di Monreale in sinergia con la segreteria provinciale e regionale”

Monreale, 23 settembre 2016 – Antonio Rubino è il responsabile dell’organizzazione regionale del Partito Democratico. In questi giorni di forte fibrillazione per la sezione monrealese del partito sta avendo un ruolo attivo nella conduzione di incontri e trattative. Un compito non semplice, viste le forti divisioni interne al circolo monrealese ma, nella intervista rilasciata a Filo Diretto, si dice ottimista e fiducioso di raggiungere l’obiettivo al quale è chiamato.

D: L’azzeramento delle deleghe da parte del sindaco non è stato accompagnato da una precisa analisi sul lavoro svolto dagli assessori. Come valuta questa scelta di Capizzi. Ritiene di dovere accettare questa bocciatura netta?

R: Andiamo per ordine: il ritiro delle deleghe agli attuali assessori non mi pare si possa considerare una bocciatura del loro lavoro. Piero Capizzi ed i partiti della maggioranza hanno ritenuto opportuno, al giro di boa, rivedere gli assetti di governo per prepararsi al meglio alla seconda parte della legislatura.

D: Ritiene che il PD abbia la necessità di sostituire gli assessori uscenti? Come valuta il lavoro svolto dai singoli assessori del PD? Quali sono le loro colpe?

R: L’idea di mettere in campo una nuova squadra di governo non coincide con un giudizio negativo sugli assessori uscenti. Il PD, il Sindaco e gli altri partiti della maggioranza hanno ritenuto opportuno fare un tagliando alla giunta. Sostituzioni o conferme saranno valutazioni del gruppo dirigente di Monreale che in sinergia con la segreteria provinciale e regionale assumeranno le scelte migliori, in termini di metodo e di nomi, per aiutare a concludere al meglio questa legislatura.

L’analisi sul lavoro degli assessori uscenti la faranno i partiti, a cominciare dal PD. Per quel che mi riguarda Ignazio, Sandro e Nadia hanno lavorato bene ed i risultati ottenuti relativamente alle loro deleghe mi pare ne siano la dimostrazione.

D: I critici ritengono che questa crisi sia anche figlia delle lotte intestine al partito, finalizzate, in vista delle regionali, a favorire le correnti vicine ai big di partito. Cosa risponde?

R: Che il dibattito all’interno PD, essendo di fatto l’unico partito esistente, diventi centrale nelle dinamiche politiche di una comunità è cosa normale. A chi investe e lavora sulle nostre divisioni mi sento di invitarli a ‘stare sereni’ perchè, anche in quest’occasione, dimostreremo di essere all’altezza dei nostri compiti.

D: Quale valutazione fa del lavoro svolto dall’amministrazione Capizzi nel suo complesso? Ritiene che il progetto iniziale, avviato a giugno 2014, sia stato rispettato?

R: Come sa, all’inizio di questa esperienza, ho fatto parte della giunta di Piero Capizzi.

In quel brevissimo periodo ho avuto modo di toccare con mano la pesantissima eredità che la nuova amministrazione aveva ricevuto. Mi pare che i risultati ottenuti fin’ora facciano propendere il bilancio verso il segno positivo. Certo non basta. I cittadini di Monreale hanno riposto su Piero una grande aspettativa ed investito sulla speranza che Monreale possa tornare a vivere una nuova e florida stagione all’altezza della storia  di quella città. Il lavoro che si sta facendo in questi giorni servirà ad aiutare questo percorso.

D: La città di Monreale si trova in una fase di predissesto economico. Per tirarla fuori dalle sabbie mobili in cui si trova e dalle emergenze che quotidianamente deve contrastare è necessaria una squadra di governo di alto profilo. Il partito ritiene di poterla trovare all’interno della compagine monrealese, o si pensa di dovere uscire dal recinto locale per individuare candidati di più alto spessore, adeguati alla situazione e agli obiettivi di ripresa?

R: Conosco bene la totalità del gruppo dirigente del PD monrealese e direi una menzogna se dicessi che all’interno del mio partito non vi sono autorevoli dirigenti che possono dare un contributo di alto livello all’esperienza amministrativa. Ma il tema non è ‘interno vs esterno’: occorre mettere in campo una squadra che tenga assieme l’unità del partito e le competenze necessarie a portare avanti il progetto di governo che ci ha fatto vincere le elezioni.

Una squadra che sviluppi il lavoro, partendo dagli  investimenti, che il Governo nazionale e quello regionale stanno mettendo in campo. Questo è il terreno sul quale stiamo lavorando, convinti che anche gli altri soggetti politici ed il sindaco lavoreranno nella stessa direzione per la restante parte della giunta.

D: Capizzi ha posto un paletto: l’incompatibilità della carica di assessore con quella di consigliere comunale. La condivide? Costituisce una condizione sine qua non nelle trattative interne al PD Monrealese o pensa sia superabile?

R: Se il Sindaco fa questa richiesta, perchè ritiene che gli assessori debbano impegnarsi a tempo pieno nel lavoro di governo, la capisco e la condivido. Tuttavia, conoscendo Piero e la sua delicatezza nell’approccio con le forze politiche a cominciare dal PD, sono convinto che aiuterà la formazione della nuova compagine di governo.

D: Quali requisiti chiedete ai vostri candidati assessori? Ponete condizioni a quelli di Capizzi?

R: Il PD farà ogni sforzo possibile per mettere in campo una squadra di altissimo profilo per aiutare l’amministrazione e per dare un segnale di credibilità alla città. Immagino che anche gli altri si muoveranno nella stessa direzione.

D: Il sindaco Capizzi in qualità di avvocato è difensore dell’assessore Sandro Russo. lo ha nominato assessore pur sapendo che era sotto processo. C’è una questione morale da affrontare nel partito?

R: Nell’esprimere piena fiducia al lavoro dei magistrati, mi sento di dire che non siamo di fronte a ‘questioni morali’ di alcun tipo. Il Sindaco ha nominato Sandro su indicazione del PD che si è mosso nel rispetto del nostro statuto e del codice etico.

Conosco Sandro da tanto tempo e proprio per questo sono convinto che supererà questa vicenda a testa alta.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.