Segnala a Zazoom - Blog Directory

Boom di multe in viale Regione, Orlando: “Dati errati, solo sciacallaggio mediatico”

Palermo, 6 settembre – Alla luce del dietrofront del Comune di Palermo in merito all’abbassamento del limite di velocità in viale Regione Siciliana per consentire i lavori di sistemazione dell’asfalto, Palazzo delle Aquile ha prontamente dichiarato: “Le critiche ricevute in merito all’ordinanza di fine agosto sono frutto di errate informazioni comunicate ai cittadini da parte dei giornali; è stato doveroso portare il limite di velocità a 50 km/h, non si è trattata di una manovra per far cassa”.

Se in questi giorni, tra il 22 agosto e il 3 settembre, si è discusso di migliaia di multe dovute al limite di 50 km/h, il Sindaco Orlando ha deciso di mettere a tacere i disfattisti che attaccano le scelte del Comune giudicandole “un mirato sciacallaggio mediatico”. Da gennaio sono 2400 le multe che il Comando dei Vigili Urbani ha emesso in tutta la città e solo poco più di 700 riguardano il superamento della soglia dei 50 km/h. “Ciò che l’amministrazione ha a cuore” – comunica Orlando – “è la vita dei cittadini che abitualmente percorrono la circonvallazione, abbiamo assistito a dichiarazioni rilasciate in buona fede dettata da informazioni errate ma più spesso di puro sciacallaggio sulla vita delle persone. È stata una polemica del tutto inutile che squalifica coloro che l’hanno portata avanti”.

14264953_1070307909712833_717545252302555809_nA parlare anche l’assessore alla Mobilità Giusto Catania che, più sul numero di multe, invita a riflettere su come la mortalità dovuta agli incidenti lungo l’asse che taglia in due la città sia scesa da 9 a 1 rispetto allo scorso anno: “i disfattisti e i polemici non hanno volutamente preso in considerazione il dato più importante: il numero di incidenti è notevolmente diminuito”.

Intanto, in attesa che i cartelli stradali a 70 km/h vengano riposizionati, i cittadini si interrogano sulla durata effettiva dei lavori che causano rallentamenti in Viale Regione Siciliana: “Per evitare di soffocare un’intera città che, con innumerevoli cantieri è diventata un tripudio allo smog, si poteva agire diversamente anticipando i lavori nei mesi estivi” comunicano cittadini e associazioni a FilodirettoMonreale.it. Alla luce dei blocchi stradali dei camionisti in via Francesco Crispi si uniscono infatti i lavori per il collettore fognario lungo il Foro Italico che rendono la città un vero inferno durante le ore di punta.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.