Campi da tennis della Ranteria in abbandono, FI: “Si dimetta l’assessore allo sport”

Sardisco: “Vittorino in politica da 20 anni senza portare risultati, sui campetti da tennis un progetto di conversione in campi d Padel"

MONREALE – “Ci chiediamo a cosa serva un Assessore allo Sport e il consulente del Sindaco alle attività sportive se l’unica struttura comunale composta da due campi da tennis regolamentari, con tribune, spogliatoi e servizi interni dedicati ai giocatori debba restare in condizioni di disastro, di abbandono, lasciata alla mercé di vandali, che proprio pochi giorni fa sono entrati e hanno ulteriormente danneggiato gli impianti sportivi”.

A denunciare lo stato di “colpevole” (così lo definiscono) abbandono i consiglieri comunali di Forza Italia Mimmo Vittorino e Silvio Terzo che hanno chiesto le dimissioni dell’assessore allo Sport, Letizia Sardisco e del consulente allo sport del Sindaco, Salvo Giangreco.

Vittorino e Terzo Forza Italia
Vittorino e Terzo – Forza Italia

“Dopo oltre due anni di giunta Arcidiacono – hanno continuato Silvio Terzo e Mimmo Vittorino – i due campi da tennis costruiti con progettazione comunale, che potrebbero essere messi a disposizione degli sportivi monrealesi e delle scuole cittadine anche per corsi di avviamento al tennis, restano inutilizzati e abbandonati a causa del disinteresse dell’amministrazione comunale che sta dimostrando un totale disinteresse verso la impiantistica sportiva e verso il patrimonio comunale. Questi comportamenti impongono conseguenze di natura politica ed istituzionale e chiediamo le dimissioni dell’assessore allo sport per gravi responsabilità. Invieremo le foto degli impianti sportivi alla Corte dei Conti perché avvii un giudizio di responsabilità contabile alla luce del grave danno arrecato al patrimonio comunale e allo sport monrealese”.

I campi da tennis della Ranteria da tantissimi anni versano in stato di abbandono. Circa 20 anni fa l’istruttore Rino Agrò ci aveva investito del suo, facendosi poi, anche lui, da parte. Da allora sono passati almeno venti anni, durante i quali al recupero della struttura sono state dedicate pagine di programmi elettorali, da parte di vari candidati alla guida della città, senza che nessuna amministrazione però sia riuscita nel loro recupero e a riportarli alla piena funzionalità.

L’Assessore Letizia Sardisco

“Sulla riqualificazione dei campetti da tennis  – spiega l’assessore al ramo, Letizia Sardisco – stiamo incontrando oggettive difficoltà legate soprattutto alla modifica della ripartizione del terreno limitrofo, dovuta ad una sentenza che ne ha limitato la possibilità di accesso da via Regione Siciliana, attraverso una scalinata”.

“Ma mi fa sorridere – replica l’assessore – ricevere una critica da un consigliere comunale presente nella politica monrealese, anche con il ruolo di assessore, da circa 20 anni, durante i quali non si è certo contraddistinto per i risultati conseguiti. Richiede le mie dimissioni per presunte mie responsabilità sullo stato dei campetti della Ranteria, quando in passato le amministrazioni di cui ha fatto parte non hanno trovato alcuna soluzione.

“Mi sono insediata da 5 mesi circa e posso dire che gli interventi a sostegno dello sport condotti da questa amministrazione sono stati diversi. A partire dal progetto di riqualificazione del campo sportivo Conca d’Oro fino alla recente tappa della Targa Florio. Anticipo anche che c’è un progetto per la realizzazione a Pioppo di una tenso-struttura dove svolgere attività sportive”.

“Posso assicurare il consigliere che sul fronte dello sport abbiamo in progetto una serie di iniziative, che necessitano di un periodo di programmazione, ma che già nei prossimi mesi cominceranno a concretizzarsi.

L’amministrazione – conclude l’assessore – sta valutando alcune proposte presentate da privati che avrebbero intenzione di convertire i campi da tennis in campi da Padel attraverso un progetto di finanza”.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.