Palermo, cinghiali al cimitero dei Rotoli; l’assessore: “Dei dispositivi fermeranno gli animali”

Lapidi danneggiate e parenti dei cari arrabbiati. La soluzione sembra essere arrivata

Negli ultimi tempi al cimitero dei Rotoli sono stati avvistati diversi cinghiali che non solo si sono intrufolati all’interno della struttura da Monte Pellegrino ma hanno danneggiato anche diverse lapidi e la cosa suscita rabbia per i parenti dei cari. Sono state tantissime le segnalazioni nel corso di questi anni che testimoniano la presenza di questi animali e da tempo si chiede al Comune di Palermo un intervento immediato.

Oggi sembra essere arrivata la soluzione. L’assessore del Comune ai cimiteri, Toni Sala, ha affermato che “dei dispositivi saranno posizionati per impedire agli animali di accedere all’area cimiteriale evitando così i danni alle sopolture e lo faremo nel più breve tempo possibile, ricorrendo anche a una specifica ordinanza. La presenza di cinghiali su monte Pellegrino – continua -, e quindi anche nelle aree limitrofe al cimitero dei Rotoli, è un problema purtroppo noto che il Comune di Palermo sta provando ad affrontare in collaborazione con tutti gli enti coinvolti”.

Poi l’assessore invita la Reset, azienda che si occupa della pulizia del cimitero e non solo, “ad intervenire nelle aree danneggiare poiché è un loro obbligo, anche se dovesse intervenire ogni giorno, e su questo non transigeremo” – conclude l’assessore ai cimiteri.

Per il consigliere comunale di Più Europa, Fabrizio Ferrandelli, che da tempo si occupa della vicenda “sembra una situazione eccessiva perché già siamo schifati del trattamento che i defunti hanno e del deposito delle salme, ma adesso neanche controllare i recinti e arrivare al vilipendio delle tombe mi pare veramente troppo” – conclude.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.