Tempo pieno a scuola, utilizzo dei beni confiscati, locali per i giovani

Il consigliere Alduina risponde alle istanze delle Associazioni, tavola rotonda entro fine luglio

0

In occasione della puntata di FdTalk dedicata al mondo del terzo settore e alle associazioni del territorio monrealese a cui hanno partecipato i rappresentanti de “Il quartiere”, di “Nati due volte”, dell’ “Arci”, e di “Basta Crederci”, sono venute a galla delle esigenze e delle istanze colte in maniera diretta dal consigliere Santina Alduina, partecipante anch’essa alla discussione nella doppia veste di rappresentante delle istituzioni monrealesi e dell’associazione Con.vi.vi l’autismo di cui fa parte.

Nei giorni subito successivi alla trasmissione, il consigliere Alduina si è subito attivato portando le istanze delle associazioni a palazzo di Città al fine di dare delle risposte immediate e trovare quindi soluzioni concrete. In particolare, le richieste si concentravano sulla desiderata partecipazione attiva dell’amministrazione alle necessità del terzo settore, declinate da un lato in maggiori spazi e locali dedicati soprattutto ai giovani e dall’altro al tempo pieno per la scuola che, in particolare per i quartieri più disagiati, aiuterebbe le famiglie nella gestione pomeridiana dei bambini. Infine è nata la proposta di una tavola rotonda tra i rappresentanti delle istituzioni e tutte le associazioni monrealesi per una discussione propositiva e un confronto sia sulle soluzioni immediatamente attuabili che su quelle basate su una prospettiva progettuale. A distanza di pochi giorni, abbiamo sentito il consigliere Santina Alduina che ci ha riferito quanto deciso a seguito delle suddette istanze.

“Sono convinta che, affinché l’incontro non rimanga fine a se stesso, è bene iniziare un dialogo costruttivo tra le Associazioni monrealesi e l’amministrazione.

Subito dopo FdTalk, ho sentito quindi l’assessore Rosanna Giannetto per sincerarmi sulla possibilità del tempo pieno nelle scuole del territorio. Come la stessa Giannetto mi ha confermato, per arrivare a tale risultato è necessaria una unità di intenti tra Comune e Scuola. Fino ad oggi purtroppo non è stato possibile metterlo in pratica soprattutto per un problema di tempistica. Nonostante il tempo pieno fosse nei nostri programmi, ad un anno dal nostro insediamento si è scatenata la pandemia e, a causa del Covid, è stato necessario utilizzare tutti gli spazi delle scuole per realizzare più aule e garantire così il distanziamento (pensiamo per esempio che sono state utilizzate finanche le palestre per la sicurezza dei nostri bambini).

Adesso, dato che vediamo la luce in fondo al tunnel e si avvicina (come tutti ci auguriamo) la fine della pandemia, c’è la ferrea volontà di attivare il tempo pieno nelle scuole laddove queste abbiano degli spazi adeguati. Per esempio la scuola di Aquino, a fondo Pasqualino, ha già dei locali atti allo scopo o, ancora, la scuola Veneziano-Novelli. Sarebbe certamente un circolo virtuoso perché oltre a fornire un servizio importante alla cittadinanza, alle famiglie e agli stessi bambini, si creerebbero nuovi posti di lavoro dovendo incrementare il personale scolastico. Di sicuro comunque l’amministrazione, nella persona dell’assessore Giannetto, farà il possibile per rispettare e mantenere l’impegno precedentemente assunto”.

Altra proposta venuta fuori nel corso del talk è stata l’istituzione di un tavolo tecnico per fare conoscere le associazioni Monrealesi fra loro e creare quindi reti virtuose, condividere obiettivi e programmi e portare all’amministrazione le richieste condivise. “In prima persona – continua Alduina – ho sentito gli assessori di riferimento dei vari settori in cui operano le associazioni: Sandro Russo che si occupa di attività sociali, Letizia Sardisco per lo sport e Rosanna Giannetto in merito alla scuola e alla cultura. Ebbene, sono tutti disponibili al tavolo tecnico e conoscitivo per accogliere le richieste e, laddove si possano soddisfare, programmare degli interventi ad hoc. Purtroppo sappiamo già che attualmente dovremo escludere gli interventi di natura economica ma possiamo senz’altro intervenire con attività di supporto tecnico e logistico (per esempio eventuale chiusura al traffico per manifestazioni, service e luce etc) e tutto ciò che possiamo mettere in pratica per aiutare le associazioni. Io stessa mi adopererò per organizzare la tavola rotonda con gli assessori già menzionati, per contattare le associazioni e organizzare l’incontro, che Filodiretto seguirà in diretta, durante il mese di luglio.
L’amministrazione, di sicuro, tramite i propri uffici è aperta ad altre eventuali richieste o problematiche che sorgeranno e alla loro risoluzione in tempi brevi, laddove possibile. Segnali questi, a mio parere, di un’importante volontà fattiva.

L’amministrazione, bisogna dirlo, nonostante il periodo di pandemia che ha fermato tante attività e tanti interventi, ha lavorato in modo costruttivo per ottenere dei risultati concreti a beneficio della cittadinanza come il rifacimento del manto di molte strade cittadine ed extraurbane o la riqualificazione, ancora in atto, di quartieri storici di Monreale come il Carmine o la Ciambra che doneranno presto nuovi spazi fruibili ai giovani e alla popolazione tutta.

In ultimo, riguardo i locali che le associazioni chiedevano per le proprie attività, il Comune purtroppo non dispone di spazi di questo tipo mentre per la questione relativa ai beni confiscati, venuta fuori anch’essa nel corso del Talk, è un percorso alquanto complicato anche perché i beni finora in discussione hanno seri problemi di fruibilità. Adesso però inizieremo a lavorare sull’acquisizione di nuovi beni, alcuni dei quali verranno utilizzati per l’emergenza abitativa, che verranno messi a bando per poi procedere alle assegnazioni.
Insomma, apertura a 360° alle istanze delle associazioni e della cittadinanza per continuare nella costruzione di un percorso, che si è purtroppo interrotto durante la pandemia, verso il futuro. Già tanto è stato fatto ma a chiusura dei 5 anni di questa amministrazione sarà un bilancio sicuramente positivo”.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.