Attacco hacker ho. Mobile, rubati dati anagrafici e tecnici della SIM

La compagnia esclude il SIM Swapping: "per effettuare una sostituzione della SIM serve un documento di identità e una denuncia"

0

Sottratti illegalmente alcuni dati di parte della base clienti ho. Mobile con riferimento ai soli dati anagrafici e tecnici della SIM. Non sono stati prelevati, invece, dati relativi alle telefonate, SMS, attività web, né dati bancari o relativi a qualsiasi sistema di pagamento dei propri clienti. Gli utenti coinvolti riceveranno una comunicazione dedicata. A chiarirlo in una comunicazione sul proprio sito è la compagnia telefonica, che come dichiarato ufficialmente lo scorso 28 dicembre, ha avviato indagini in collaborazione con le Autorità investigative su presunte sottrazioni di dati dei suoi clienti di telefonia mobile.

La compagnia ha confermato l’attacco hacker di fine dicembre scorso, specificando che solo parte della clientela è stata impattata e consiglia in ogni caso il cambio della sim. In breve dal 22 dicembre è in vendita su dark web un pacchetto di dati di utenti ho mobile, operatore mobile di Vodafone, e frutto di un attacco hacker.

“Purtroppo anche ho. Mobile è rimasta vittima di attacchi informatici che si sono intensificati e accelerati durante la pandemia – si legge nella nota – in queste ore stiamo procedendo ad informare solo i clienti ho. Mobile coinvolti, e abbiamo già attivato ulteriori e nuovi livelli di sicurezza per mettere la clientela al riparo da potenziali minacce. Ulteriori azioni a protezione dei dati sottratti sono in corso di implementazione e verranno comunicate ai clienti. Qualora i clienti vogliano comunque procedere alla sostituzione della propria SIM – aggiunge – potranno richiederne la sostituzione gratuita presso i punti vendita autorizzati.

A suscitare particolare preoccupazione tra i clienti che hanno collegato il numero di telefono ai conti correnti bancari è il  SIM Swapping. Ma ho. Mobile chiarisce che non può verificarsi la sostituzione della SIM a propria insaputa, in quanto “per effettuare una sostituzione della SIM serve un documento di identità e una denuncia in caso di furto o smarrimento. Non è quindi fattibile utilizzando solo i seriali. Il frodatore deve quindi procurarsi un documento di identità e una denuncia falsi”.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.