Agevolazioni prima casa giovani 2019: tutto quello che devi sapere

11 marzo 2019 – Purtroppo al giorno d’oggi comprare casa sembra un vero e proprio miraggio per migliaia di giovani: vuoi per i prezzi degli immobili tendenzialmente alti, vuoi per l’assenza di sicurezze nel mondo del lavoro. Detto in altra maniera: ottenere un mutuo non è mai semplice per un ragazzo o una ragazza lontano/a dall’apice della propria carriera e di conseguenza si finisce per scegliere l’affitto, senza particolare convinzione. Per chi è propenso all’acquisto e vorrebbe evitare di pagare l’affitto, capita spesso di navigare sul web e di individuare la casa dei propri sogni leggendo gli annunci immobiliari di Tecnocasa o di altre agenzie italiane, sale subito il desiderio di poter acquistare l’immobile, ma, purtroppo, all’atto pratico ci si ritrova solamente più frustrati di prima, in quanto le banche chiedono garanzie veramente difficili da fornire per ottenere il finanziamento necessario. Forse, però, non tutti sanno che lo Stato prevede una serie di aiuti dedicati proprio a questo tipo di pubblico: aiuti che potrebbero rendere l’acquisto di un immobile sicuramente più abbordabile. Proprio di questo ci occuperemo nell’articolo che segue, che proverà a darvi qualche indicazione sulle agevolazioni prima casa giovani 2019: tutto quello che devi sapere per iniziare un nuovo, importantissimo capitolo della tua vita.

IL FONDO DI GARANZIA MUTUO PRIMA CASA – Iniziamo col dire che le agevolazioni in questione sono state rese possibili nel momento in cui il vecchio Fondo Casa è stato sostituito dal cosiddetto “Fondo di garanzia mutuo prima casa”: un fondo di solidarietà espressamente dedicato ai giovani che sono intenzionati ad acquistare la propria prima casa, che è entrato in vigore con il Decreto 31 luglio 2014 e la sottoscrizione dell’intesa tra Ministero dell’economia e finanze, ABI e Tesoro. Il nuovo Fondo Prima Casa dispone di circa 650 milioni di euro con cui vengono offerte garanzie su finanziamenti ipotecari per un ammontare complessivo stimato di 20 miliardi di euro: una garanzia concessa nella misura massima del 50% della quota capitale, tempo per tempo in essere su tutti i finanziamenti ipotecari. 

CHI PUÒ RICHIEDERE LE AGEVOLAZIONI – Queste particolari agevolazioni sono rivolte a giovani coppie ed a famiglie con un solo genitore e con figli minorenni, che rispettino il requisito anagrafico di avere meno di 35 anni di età e che rispettino inoltre determinati requisiti reddituali. I richiedenti inoltre, al momento di presentazione della domanda di mutuo, non devono essere proprietari di altri immobili ad uso abitativo (eccezion fatta per quelli acquistati per successione mortis causa) e non devono volere acquistare un immobile che rientri nelle categorie catastali A1, A8 ed A9 (più in generale, l’immobile non deve avere le caratteristiche di lusso che sono indicate nel decreto del Ministero dei lavori pubblici del 2 agosto 1969, n. 1072). Ci sono poi altri requisiti da rispettare per potere ottenere queste particolari agevolazioni legate all’acquisto della prima casa: ad esempio l’immobile ad uso abitativo richiesto deve essere ubicato in Italia ed il mutuo ipotecario non deve presentare un importo superiore ai 250 mila euro, a prescindere dal fatto che venga concesso da una banca o da un intermediario finanziario.

COME RICHIEDERE IL MUTUO GIOVANI COPPIE 2019 – Veniamo ora all’aspetto pratico della vicenda, ovvero a come chiedere le agevolazioni prima casa giovani 2019. Per farlo bisogna fare richiesta di accesso al Fondo di Garanzia direttamente alla banca o all’intermediario che aderisce all’iniziativa, presentando tutta la documentazione richiesta; dopodiché sarà necessari inviare online la domanda al Gestore del Fondo per la Casa. Una volta attivata la garanzia del Fondo per il mutuo previsto vi verrà attribuito un numero di protocollo, che servirà a determinare il vostro posizionamento di diritto all’accesso alle agevolazioni in caso di scarsità di fondi. Sarà infine la banca a comunicare ai richiedenti, entro 20 giorni lavorativi, l’avvenuta ammissione alla garanzia del fondo o, in caso di disponibilità economiche esaurite, la comunicazione di non ammissibilità della domanda: in caso di esito positivi il mutuo verrà erogato entro 30 giorni lavorativi. Va però infine ricordato che, ai fini di concessione del mutuo tramite agevolazioni acquisto prima casa 2019, la banca ha comunque facoltà di accettare o meno la vostra domanda.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.