Omicidio per pochi spicci, arrestato l’assassino di Giovan Battista Riccobono VIDEO

Palermo, 5 maggio 2018 – Questa notte i carabinieri di Palermo hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Palermo, su richiesta della locale Procura, nei confronti di T.m., 54enne con precedenti penali, ritenuto responsabile dei reati di omicidio e rapina.

I fatti risalgono a poco meno di un anno fa, quando, il 25 agosto 2017, nelle palazzine del quartiere Borgo Nuovo, si era consumata una violenta aggressione a scopo di rapina nell’abitazione ai danni di Giovan Battista Riccobono, 89enne. L’anziano venne percosso e colpito con calci e pugni da un uomo con il volto coperto, che ha portato via dall’abitazione poche decine di euro, un orologio e pochi monili in oro.

A seguito dell’aggressione Riccobono, colpito all’interno della camera da letto, è stato ricoverato presso l’Ospedale Cervello ma poi, a causa di complicazioni, trasferito d’urgenza al Villa Sofia dove, il 14 settembre 2017, è deceduto in seguito ai gravi traumi riportati nella rapina. I carabinieri trovarono tracce di sangue in quasi tutte le stanze dell’abitazione, completamente messe a soqquadro.  

Le indagini hanno permesso di acquisire tutti gli elementi che hanno portato all’individuazione di T.m., quale responsabile della brutale aggressione. Nelle fasi immediatamente successive all’evento, l’anziano, pur non riuscendo a fornire un’identificazione certa dell’autore, considerata l’età e lo shock derivato dal violento pestaggio, ha ricordato e fornito alcuni particolari, relativi alla descrizione fisica dell’aggressore. Dopo averlo arrestato all’interno della sua abitazione, T.m. è stato immediatamente accompagnato al carcere ”Pagliarelli”. I reati contestati sono omicidio e rapina, aggravati dall’aver agito con crudeltà, con il volto travisato ed in danno di persona anziana. 

 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.