Corleone, inaugurate due nuove sale parto travaglio all’Ospedale “Dei Bianchi”

Intanto rimangono le paure per la chiusura dell’Ospedale, vittima dei tagli per la riforma del settore

Monreale, 2 ottobre 2016 – Ormai da parecchi anni si susseguono a Corleone svariate manifestazioni che hanno ad oggetto la chiusura dell’ospedale. Il 30 Settembre si è svolta presso l’Ospedale “Dei Bianchi” l’inaugurazione di due sale parto travaglio, alla presenza del direttore generale dell’Asp di Palermo, Antonio Candela. Il costo complessivo ammonta a circa 112 mila euro e comprende anche delle nuove apparecchiature di ultima generazione, alcune delle quali consegnate nei mesi precedenti, tra cui un lettino per rianimazione neonatale, incannulamento vasi ombelicali e posizionamento toracico, cardiotocografo wireless, ect.

Una grande notizia e un’ottima inaugurazione che puntano i riflettori nuovamente sull’Ospedale di Corleone. Ma le preoccupazioni sull’Ospedale dei Bianchi persistono, soprattutto in relazione al comunicato che prevede che venga mantenuta una sola ambulanza medicalizzata nel PTE di Palazzo Adriano, eliminando quelle attualmente presenti a Corleone e a Prizzi, mettendo di conseguenza in difficoltà una buona parte del territorio; il piano prevede inoltre il mantenimento della psichiatria, della pediatria, e la funzionalità della chirurgia generale e inoltre la presenza negli Ospedali disagiati del Pronto Soccorso.

La paura principale consiste soprattutto nel fatto che, nonostante l’Azienda stia svolgendo attività positive per il territorio, si potrebbe comunque decidere di chiudere l’Ospedale, rendendo quindi vane le risorse economiche spese.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.