Galleria Cirba, il piazzale sotto sequestro diventa una discarica

0

Monreale, 20 settembre – Chi, passando dall’entrata della galleria Cirba, non ha ancora notato il grande cumulo di rifiuti che si trova sulla sinistra dello svincolo ormai chiuso da anni? È quasi impossibile non notarlo viste le sue grosse dimensioni.
La piazzola antistante la galleria ha già dei trascorsi abbastanza travagliati che iniziano con la chiusura della galleria stessa nel 2012. Da quel momento in poi, quel luogo, che doveva rappresentare uno dei simboli di rinascita della città grazie alla restituzione ai cittadini di un importante opera chiusa da 50 anni, è stato teatro di sequestri, incuria e abbandono.

Il piazzale infatti è stato posto sotto sequestro nel luglio 2015 dalla polizia municipale del comune di Monreale a causa della presenza non autorizzata di scarrabili di proprietà della Alto Belice Ambiente, la società che gestiva la raccolta e il trasporto dei rifiuti all’interno dell’ATO Palermo 2. Il piazzale fu dissequestrato poi ad ottobre dello stesso anno per consentire alla ditta Tes, incaricata dalla curatela dell’ATO in fallimento, di intervenire per la rimozione dei cassoni colmi di rifiuti differenziati e indifferenziati.

Ultimamente il piazzale antistante il tunnel, è stato utilizzato dalla società F. Mirto, che gestisce la raccolta dei rifiuti a Monreale, come sito di stoccaggio temporaneo dei rifiuti ingombranti che sono stati subito rimossi. Intanto le condizioni del piazzale diventano sempre più critiche considerato anche che gli ambulanti che ogni giovedì mattina, durante il mercato rionale, e domenica mattina, durante il mercato del contadino, occupano la piazza tendono ad abbandonare i propri rifiuti proprio all’interno del piazzale che lentamente sta prendendo le sembianze di una discarica, non un bel biglietto da visita per gli innumerevoli turisti che giornalmente arrivano a Monreale incrociando proprio l’immondezzaio di piazzale Florio.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.