Abusivismo edilizio al confine con Monreale, sequestrati 7 immobili tra cui una pizzeria-bed and breakfast

2

Palermo, 23 luglio – Ancora abusi edilizi scoperti a Palermo nel territorio confinante con il comune di Monreale. La polizia municipale del capoluogo ha rilevato 7 costruzioni senza autorizzazione in via Saitta Longhi. Gli immobili sono stati tutti messo sotto sequestro.

Tra gli altri abusi emblematico è il caso di una lottizzazione materiale abusiva di un’area di circa 3.900 metri quadrati che, dalla natura degli immobili, l’arredo e la presenza della pizzeria, sarebbe finalizzata alla realizzazione di un Bed & breakfast con annesso locale commerciale e pizzeria. Il proprietario e committente delle opere, B.S. di 60 anni, è stato denunciato alla Procura della Repubblica per le violazioni urbanistiche riscontrate e lottizzazione materiale abusiva. L’area ricade in zona territoriale omogenea di verde agricolo con il vincolo di tutela ambientale di verde storico, ed è soggetta a pianificazione urbanistica.

Le altre opere abusive rilevate nel corso del sopralluogo sono state: un immobile di 130 metri quadrati a 2 elevazioni, completato in ogni sua parte, arredato e abitato; un immobile abusivo, adibito a pizzeria di complessivi 130 metri quadrati circa a una elevazione, con sala di somministrazione, locali cucine, bagni e magazzino, non in attività al momento del sopralluogo è privo da qualsiasi autorizzazione amministrativa; un immobile abusivo di 65 metri quadrati circa a una elevazione; un immobile abusivo, in corso di realizzazione, di circa 60 metri quadrati a due elevazioni; un immobile abusivo di 140 metri quadrati, suddiviso in quattro monolocali autonomi di circa mq. 35 cadauno, a una elevazione; un immobile abusivo, di 105 metri quadrati a una elevazione; e un settimo immobile abusivo, di circa 16 metri quadrati, realizzata in legno e copertura con manto di tegole.

2 Commenti
  1. almaverdesud scrive

    Tutti giù per terra…

  2. almaverdesud scrive

    Tutti giù per terra…

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.