Più di 100 firme per rivedere i costi dei loculi cimiteriali, Rossella Pica promotrice della petizione

0

Monreale, 18 luglio – Una petizione con oltre 100 firme all’amministrazione, con cui altrettante famiglie chiedono di rivedere i costi dei loculi cimiteriali dopo che gli stessi sono stati costruiti con i fondi per la ricostruzione post terremoto. La promotrice è il consigliere comunale Rossella Pica.
“L’amministrazione – afferma la consigliera comunale del Partito Democratico – prenda atto della petizione e riveda il costo dei loculi, prevedendo un prezzo politico, fermo restando l’eccezionalità della situazione che si è generata a discapito dell’economia della frazione e dei suoi residenti. Eccezionale perché, ad oggi, le famiglie di Grisì sono chiamate a pagare i loculi per ben 3 volte: la prima con l’aumento del costo da 950 euro a oltre 2000 euro; la seconda perché poi queste somme non rientrerebbero più a Grisì
attraverso il bilancio; la terza perché i loculi sono stati costruiti con le somme derivanti dalla ricostruzione post-terremoto.

Nella petizione viene chiesto all’Amministrazione di attivarsi per trovare una soluzione valida per tutti, anche attraverso un sistema di reintroito delle somme tale che queste, nella loro interezza, vengano reinvestite sul territorio della frazione.

“In questo senso – continua la Pica – ribadisco ciò che da due anni continuo a sollecitare: l’istituzione di un capitolo di bilancio ad hoc, attraverso cui destinare e impegnare le somme per la frazione e questo oggi l’Amministrazione lo può realizzare attivando i propri canali (assessore al bilancio, esperto di bilancio e segretario generale, Presidente della Consulta di frazione) presso il Commissario regionale ad acta sul bilancio. Superfluo ricordare che sono ancora tanti i passi non compiuti, a partire dagli oltre 20 mila euro/anno del parco eolico che, nonostante l’impegno elettorale, Grisì non ha mai visto. Pertanto la petizione, per chiedere all’Amministrazione non una promessa, ma un impegno concreto e reale.”

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.