Monreale, ZTL l’acronimo di cui ci si fa beffa

La zona a traffico limitato scambiata per “zona a traffico libero” 

Monreale, 20 maggio – Leggendo l’ordinanza attuata dal 19 Maggio al 20 Maggio in Piazza Vaglica ed aree circostanti non ho potuto fare a meno di pensare che se questo divieto fosse esteso fino alla fine di settembre non sarebbe male.
Come non sarebbe male incrementare le casse del comune, come? Semplice, basta fare dei controlli alla ZTL che vige dalle 10.00 del mattino alle 19.00 di sera in Piazza Guglielmo e parte di Piazza Vittorio Emanuele, soprattutto nelle ore in cui di solito nelle due Piazze non ci sono agenti della Polizia Municipale e precisamente dalle 14.00 alle 15.30/16.00 circa.

Oggi, come in altri giorni l’ordinanza viene totalmente ignorata. Ho visto personalmente sfrecciare auto e motorini tra i turisti che gironzolano tranquillamente e ignari dei pericoli che corrono. Come ho visto, mesi orsono, un bambino di una coppia tedesca seduta in un bar, per poco non finiva tra le ruote di una macchina. Sembrerò catastrofico, ma è cosi, credetemi.

Tutto questo perché manca il senso del rispetto verso gli altri e verso quelle che sono le piccole cose che possono in qualche modo migliorare la vivibilità di una città. Qui a Monreale avviene il contrario. Regolarmente qualcuno pensa bene di spostare le transenne per poi non rimettere tutto a loro posto, gli automobilisti e motociclisti non si curano dei divieti, non guardano la segnaletica e devi sbarrare loro la strada per fargli capire che quella è una ZONA A TRAFFICO LIMITATO, e non “ZONA TUTTA LIBERA”. Per non parlare di coloro che lasciano la macchina davanti le transenne per andare a sbrigare le proprie faccende bloccando il transito ai mezzi autorizzati come l’ambulanza che alcuni giorni fa ha dovuto aspettare che arrivasse il proprietario per poter passare.

Bene visto che non lo capiamo, onde evitare che qualcuno possa dire: “Ma la segnaletica è poco visibile, è poco chiara, è posizionata nel posto sbagliato”, la prima cosa da fare sarebbe migliorare la segnaletica, cosi non ci potranno essere scuse che tengano. Se le cose elementari come queste non si riescono a comprendere ci vuole di sicuro una buona lezione di ripasso.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.