Segnala a Zazoom - Blog Directory

Il test delle Minimum Skills in un caldo pomeriggio di luglio

Secondo il regolamento stabilito dalla WFTDA – (women’s flat track roller derby), ovvero l’organo direttivo internazionale per il roller derby che definisce gli standard le regole, le stagioni sportive, la sicurezza, e determina le linee guida per le gare nazionali ed internazionali delle leghe sportive – possono essere convocate 14 pattinatrici per ogni partita, in campo durante il gioco vengono schierate quattro Blocker ed una Jammer, per poter giocare è obbligatorio per le pattinatrici aver superato il test delle Minimum Skills stabilito dalla WFTDA.

Si tratta di un test costituito da una parte pratica ed una teorica, la parte pratica è composta da 36 esercizi svolti sia da una singola pattinatrice per volta che in gruppo e la parte teorica è composta da 50 domande a risposta multipla. Per superare il test occorre effettuare correttamente quasi tutti gli esercizi. Gli esaminatori devono essere almeno due, devono aver superato a loro volta il test e devono preferibilmente far parte di un’altra squadra, in modo da essere più obiettivi possibile.

Io ho provato a fare il test due volte, la prima volta sono andata a Roma con due mie compagne di squadra, il test è durato 4-5 ore ma non sono riuscita a superarlo, non nego di esser tornata a casa con l’amaro in bocca, però questa sconfitta mi è servita perché è nato in me il desiderio di impegnarmi e concentrare tutte le mie energie per superare il test la volta seguente. Tra i vari punti del test quello che per me risultava essere un ostacolo insormontabile era effettuare 27 giri della pista in 5 minuti (la pista ha una superficie di 27 per 16 metri), nonostante io mi impegnassi molto non riuscivo mai a raggiungere quel traguardo, dunque è nata una vera e propria sfida con me stessa, ed ho imparato che l’esercizio, la costanza e l’impegno sono elementi imprescindibili del roller derby, non si può pensare di praticare questo sport come un hobby a tempo perso. La seconda volta ho fatto il test a Palermo, questa volta l’ho fatto insieme a quasi tutte le mie compagne di squadra, le esaminatrici sono venute direttamente da Torino, si chiamano Sixx Blïtz e Mocking Phoenix e fanno parte sia della Nazionale Italiana di Roller Derby – Team Italy che della squadra
Bloody Wheels – Roller Derby Torino.

Il giorno del test delle Minimum Skills è stato davvero emozionante, il test si è svolto in un caldissimo pomeriggio di luglio, è iniziato nel pomeriggio ed è finito in tarda sera, durante quella giornata abbiamo sudato, abbiamo faticato il doppio per il caldo, abbiamo sofferto ma abbiamo dato il massimo tutte quante, ad ogni esercizio ci incoraggiavamo a vicenda, è stata una giornata speciale che ci ha unite molto come amiche e come compagne della squadra.

Le ragazze di Torino sono rimaste con noi a Palermo per qualche giorno, durante  la loro permanenza abbiamo fatto un allenamento speciale dove ci hanno insegnato tantissime cose, le abbiamo portate in giro per visitare la nostra città, siamo uscite la sera e siamo andate al mare tutte insieme, insomma è stata un’esperienza fantastica, un bel ricordo dell’estate 2014.

L’ultima sera le ragazze hanno comunicato l’esito del test ed io l’ho superato, adesso posso iniziare davvero a giocare a Roller Derby e posso ufficializzare il mio derby name #ISAMURA.

Il prossimo appuntamento con la rubrica “Dal Texas a Monreale su otto ruote” è per il penultimo venerdì di settembre, ad agosto la squadra si prenderà del tempo per le meritate vacanze anche se continueremo a scorazzare per la città su otto ruote perché non riusciamo a stare troppo tempo senza pattinare, nel frattempo, se volete potete contattarci tramite il nostro indirizzo mail [email protected] oppure tramite la nostra pagina Facebook Poison Kittens Palermo; ultimamente diverse ragazze e ragazza hanno espresso la volontà di entrare a far parte della nostra squadra in qualità di arbitri e giocatrici, presto pubblicheremo nella nostra pagina Facebook la data del giorno del reclutamento ovvero il “fresh meat day”.

Robby Trenta

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.