STAMATTINA, GLI STUDENTI DELL’ISTITUTO D’ARTE MARIO D’ALEO HANNO OCCUPATO L’AULA MAGNA.

0

Gli studenti protestano perché ritengono inagibile la loro scuola a causa della presenza di materiali tossici, quale l’amianto, e dei fumi di scarico delle caldaie.

OLYMPUS DIGITAL CAMERATale protesta non è stata avallata dai dirigenti dell’istituto che hanno chiesto l’intervento delle forze dell’ordine. Gli agenti intervenuti, insieme al vicepreside, Settimo Buccafusca, e a due rappresentanti degli studenti, hanno effettuato un sopralluogo, verbalizzando le problematiche esposte. Il vicepreside auspica che vengano riprese regolarmente le lezioni da parte di tutti gli studenti e che vengano individuati i giusti interlocutori a cui poter inoltrare le legittime richieste. “Domani, dichiara Buttafusca, in Collegio Docenti si proporrà di modificare i tempi della valutazione, da trimestrale in quadrimestrale, per consentire agli studenti di recuperare i tempi scolastici e per garantire loro una valutazione più distesa nel tempo. Inoltre, per quanto riguarda i riscaldamenti degli ambienti non provvisti di caloriferi, sono state recuperate stufe e termosifoni ad olio, per poter garantire un minimo di comfort agli studenti che occupano le aule recuperate con l’abolizione della palestra”.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.